20 Ottobre 2021

Pubblicato il

Viterbo, arrestati pericolosi rapinatori a Tuscania

di Redazione
Quattro persone tra i 18 e i 32 anni bloccati dopo aver scippato a Tarquinia. Potrebbero essere gli stessi che hanno seminato il panico nelle scorse settimane

Bella operazione di servizio dei Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Tuscania che ha tratto in arresto 4 persone, due uomini e due donne di età compresa tra i 32 e i 18 anni, di origine romena e già gravati da numerosi precedenti penali, per uno scippo. I quattro si erano resi responsabili del furto nei confronti di una signora a Tarquinia alla quale avevano rubato, strappandogliela dal collo, una collanina in oro e successivamente si erano dileguati a bordo della loro auto tentando di far perdere le loro tracce.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Un militare del Nucleo Operativo e Radiomobile di Tuscania, libero dal servizio ha notato l’auto allontanarsi a gran velocità da quel centro urbano e l’ha iniziata a seguire allertando l’autoradio in servizio. A Tuscania, sulla strada Provinciale Tarquiniese, l’autoradio ha raggiunto il collega e ha bloccato l’autovettura con i quattro arrestati. Da una immediata perquisizione personale e veicolare i Carabinieri hanno rinvenuto la collanina da poco asportata a Tarquinia e altri oggetti e monili in oro, del valore complessivo di circa 7.000 euro .

Vuoi la tua pubblicità qui?

Alla luce di ciò i quattro sono stati dichiarati in stato di arresto per furto aggravato e dopo le formalità di rito sono stati tradotti: le due donne presso la casa circondariale femminile di Civitavecchia mentre i due uomini presso la casa circondariale di Viterbo, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria competente. Sono ora in atto ulteriori accertamenti perché verosimilmente i quattro arrestati potrebbero essere coinvolti negli episodi, che hanno trovato risalto sulle cronache e che avuto lo stesso “modus operandi”, avvenuti nelle scorse settimane a Proceno, Corchiano, Vetralla, Tarquinia e Tuscania, creando un allarme sociale tra la popolazione della provincia.

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo