Vuoi la tua pubblicità qui?
01 Ottobre 2020

Pubblicato il

Al chiosco bar di Tredicine 4 gelati a 64 euro

di Redazione

E'il conto presentato a 4 turisti inglesi che hanno preso un gelato in un chiosco vicino Piazza di Spagna

Non è la prima volta. È già successo nel 2009, quando 2 cinesi si sono visti recapitare, al ristorane ‘Passetto’, in zona piazza Navona, un conto da 695 euro.

Vuoi la tua pubblicità qui?

E stavolta è toccato a 4 inglesi di Birmingham. La notizia è stata diffusa circa 5 giorni fa dal Corriere della Sera, quando le due coppie di turisti inglesi hanno pagato 64 euro per 4 coni gelato. 16 euro a cono, insomma, con 2 cialde e 3 gusti. Consumato in piedi, tra l’altro. Il bar in questione si trova nei pressi di piazza di Spagna, in cima a via della Vite. “Quando abbiamo pagato – ha dichiarato uno di loro al quotidiano – non ci hanno detto nemmeno grazie”. Ma i proprietari del negozio, si difendono così: “Basta guardare, i prezzi sono affissi ovunque. I prezzi sono quelli, in piedi o seduti non fa differenza”. 

La società a cui è intestato lo scontrino è la ‘Carderi Srl’, di Alfiero Tredicine, attivista (nel Pdl) di Giordano. “Dentro quei coni entrano 7 etti di gelato”, ha dichiarato Tredicine. La reazione del Codacons non si è fatta attendere. L’Associazione dei Consumatori ha annunciato la presentazione di un esposto in Procura, richiedendo, inoltre, la chiusura del locale e la revoca dell’autorizzazione all’esercizio pubblico.

“Questa storia e' un vero e proprio scandalo, che fa male non solo ai turisti costretti a pagare 16 euro per un cono, ma all'intera città, perché rovina l'immagine di Roma agli occhi del mondo e danneggia il turismo e la categoria dei pubblici esercenti”, ha affermato il presidente del Codacons Carlo Rienzi. “Invitiamo inoltre – ha concluso Rienzi – i turisti italiani e stranieri a segnalare al Codacons bar e ristoranti del centro storico che praticano prezzi abnormi, così da poter intervenire presso le autorità competenti”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento