Vuoi la tua pubblicità qui?
19 Settembre 2021

Pubblicato il

Bruno Vespa patteggia la pena per abusi edilizi a Ponza

di Redazione
Vespa condannato a 10 giorni di reclusione sostituiti con pena pecuniaria di 2500 euro e un'ammenda di 14mila

Una condanna di 10 giorni di reclusione, sostituiti con pena pecuniaria di 2500 euro e un'ammenda di 14mila euro. Si è conclusa con un patteggiamento la vicenda della villa di Ponza di Bruno Vespa, finito a processo nel 2013 in conseguenza delle accuse di abusivismo edilizio e violazione dei vincoli paesaggistici. Al noto giornalista il  Nucleo Investigativo Provinciale di Polizia Ambientale e Forestale aveva contestato l'ampliamento e il cambio di destinazione d'uso di un'intercapedine della villa, situata in località Le Forna, dalla quale Vespa avrebbe ricavato tre vani.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il caso era quindi finito al Tribunale di Latina e nel giugno 2013 il gup aveva disposto il sequestro della parte della villa incriminata. Il giornalista e conduttore televisivo aveva poi chiesto di patteggiare la pena provveduto a sanare l'abuso, senza però riuscire a ottenere il dissequestro. Il provvedimento è giunto nell'udienza di ieri, da parte del giudice per l'udienza preliminare, che, come riferito in precedenza, ha chiuso la vicenda con il patteggiamento.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo