Vuoi la tua pubblicità qui?
27 Novembre 2022

Pubblicato il

California, nuova tecnica di sepoltura. I defunti potranno diventare concime

di Alice Capriotti
La nuova legge è stata proposta dalla deputata Cristina Garcia e firmata dal governatore democratico Gavin Newson
Concime

In California dal 2027 sarà avviata la pratica del compostaggio umano, alternativa alle presenti tecniche di sepoltura e di cremazione. Sicuramente è una scelta più “green” alle alternative presenti, dove i defunti diventeranno concime per campi e giardini senza provocare alcun danno per l’ambiente. 

Le parole della deputata Cristina Garcia

Questa nuova legge è stata proposta dalla deputata Cristina Garcia e firmata dal governatore democratico Gavin Newsom.  

Il quotidiano Los Angeles Times, la deputata Garcia ha dichiarato: “Con il cambiamento climatico e l’innalzamento del livello del mare che ci minacciano questo è un metodo alternativo di smaltimento che non inquina”. Invece, secondo il quotidiano National Geographic, le cremazioni negli Stati Uniti producono circa 360mila tonnellate di anidride carbonica all’anno. 

La nuova tecnica di sepoltura

Questa nuova tecnica prevede un procedimento dove il corpo del defunto sia riposto in un contenitore d’acciaio e in seguito sepolto a circa 2,4 metri di profondità, circondato da materiali biodegradabili, come trucioli di legno.  

Il contenitore d’acciaio deve essere aerato per consentire la crescita di microbi e batteri. Il processo di decomposizione dovrebbe durare da 1 ai 2 mesi. Come risultato avremmo un terriccio organico che può essere restituito ai parenti inseguito. Altra soluzione possibile è di donare il terriccio ottenuto a terreni agricoli di conservazione.

Alcuni Stati dell’America hanno già legalizzato questa procedura, tra questi troviamo: Washington, Colorado, Vermont e Oregon. Il costo della sepoltura funeraria si aggirerà intorno ai 5mila e i 7mila dollari. 

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo