Vuoi la tua pubblicità qui?
01 Agosto 2021

Pubblicato il

Causa incidente durante permesso dai domiciliari: arrestato

di Redazione

I fatti a Cisterna: in manette Emiliano Di Silvio, ai domiciliari da aprile ma già sorpreso con altri pregiudicati

Nella giornata di ieri la Polizia di Stato del Commissariato di P.S. “Cisterna” ha dato esecuzione ad un provvedimento di ripristino della custodia in carcere per Di Silvio Emiliano, 42enne pluripregiudicato residente a Cisterna. L’uomo era attualmente sottoposto alla detenzione domiciliare, concessagli dal competente Tribunale di Sorveglianza dopo circa due anni trascorsi in carcere a seguito di condanne inflittegli dal Tribunale di Latina: Di Silvio, infatti, era stato tratto in arresto l’ultima volta nel 2012 dalla Polizia di Stato perché trovato in possesso di un’arma clandestina.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Lo stesso annovera inoltre precedenti penali per reati quali estorsione, sequestro di persona, violazione alla normativa sugli stupefacenti. Posto ai domiciliari presso la sua abitazione di Cisterna nello scorso mese di aprile, con la facoltà di assentarsi giornalmente da casa per due ore, già pochi giorni dopo era stato sorpreso in strada dagli agenti del Commissariato mentre era in compagnia di alcuni pregiudicati locali, e pertanto oggetto di specifica segnalazione.

Ulteriormente lo scorso sabato mattina, durante la fascia oraria di permesso, ha provocato un incidente stradale alla guida di un motoveicolo di proprietà di un altro pregiudicato, nonostante la patente di guida gli venne revocata circa dieci anni or sono. Sulla base delle richieste di inasprimento del regime carcerario formulate dalla Polizia di Stato, l’Ufficio di Sorveglianza del Tribunale di Roma ha disposto nei suoi confronti la sostituzione della misura degli arresti domiciliari con quella della detenzione in carcere, provvedimento eseguito quest’oggi dal personale del Commissariato di Cisterna che ha trasferito Di Silvio presso la casa circondariale di Latina, ove terminerà di scontare la pena inflittagli.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento