Vuoi la tua pubblicità qui?
14 Luglio 2020

Pubblicato il

Champions: Shakhtar 2-1 Roma. Un grande Alisson fa sperare la Roma

di Redazione

Partita tutt'altro che facile per la Roma quella di stasera, che ha visto i giallorossi alle prese col freddo di Kharkiv

Partita tutt'altro che facile per la Roma quella di stasera, che ha visto i giallorossi scendere al freddo di Kharkiv e affrontare per gli ottavi di Champions lo Shakhtar Donetsk. La Roma parte forte e attacca, e sulla destra con Nainggolan dopo pochi minuti crea una doppia occasione da gol: Kolarov al cross dalla bandierina, la sfera la colpisce Dzeko ma è reattivo Pyatov che respinge sulla linea. Fazio tenta di ribadire in rete ma
la conclusione viene murata dai difensori dello Shakhtar. La Roma si sbilancia in avanti sempre più frequentemente e lascia agli ucraini la possibilità di contropiede con qualche rischio di troppo, perché lo Shakhtar ha giocatori veloci come Marlos e Ismaily. Ma i giallorossi sono temerari e al 20' arrivano con Perotti che sgamba in ripartenza sulla sinistra e serve a Dzeko al centro solo davanti al portiere la palla gol più chiara finora. Ma il bosniaco calcia di piatto e lentamente sul portiere.

Gioca bene la Roma, anche se troppo morbida nelle conclusioni, ma al 41' va in vantaggio. Perotti  appoggia per Dzeko che si stacca dalla marcatura e si inventa un taglio fantastico per Under. L'attaccante turco addomestica il pallone e calcia con il destro, Pyatov si oppone ma non basta perchè il pallone entra ed è il primo gol per il ragazzo in Champions, a testimoniare il suo felicissimo momento.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il secondo tempo vede lo Shakhtar attaccare con più insistenza e la Roma che riparte, tanto da lasciare spesso sguarnita la sua area. Infatti al 7' arriva il pareggio dello Shakhtar. Rakitskiy lancia lungo per Ferreyra, Florenzi, non in forma per problemi intestinali, manca clamorosamente l'intervento e spalanca così la strada all'attaccante che in area supera in dribbling Manolas e batte Alisson. Ora gli ucraini, galvanizzati dal pareggio, cercano con più insistenza il gol, che non arriva per un miracolo di Alisson, che con la mano di richiamo chiude la porta alla conclusione di Marlos, servito bene sul cross di Ismaily al minuto 11.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La Roma continua a soffrire gli attacchi degli ucraini, soprattutto con Taison e Ferreyra che esaltano la straordinaria bravura di Alisson, miracoloso in un paio di interventi prodigiosi. Ma nulla può al minuto 26 su una punizione calciata da Fred dal limite dell'area, a sancire il vantaggio Shakhtar con un sinistro perfetto che la traversa fa rimbalzare in rete. Entrano Gerson e Peres al posto di Under e Florenzi, e al 38' Defrel per Nainggolan. La Roma è stanca e soffre gli attacchi degli ucraini che non sembrano paghi del 2 a 1 pensando alla partita di ritorno. Bernard su tutti fa impazzire la difesa della Roma, non incolpevole nel secondo tempo, tra errori di posizione e passaggi sbagliati. Clamoroso e provvidenziale salvataggio di Alisson che da terra, sulla linea, salva un gol fatto di Ferreyra che aveva battuto a rete a botta sicura sull'ottima giocata di Taison dalla linea di fondo. La partita finisce con tre minuti di recupero e qualche scintilla in campo.

Shakhtar Donetsk (4-3-2-1): Pyatov; Butko, Krivtsov, Ratzisky, Ismaily; Stepanenko, Fred, Marlos; Taison, Bernard; Ferreyra. Allenatore: Fonseca

Roma (4-2-3-1): Alisson; Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; De Rossi, Strootman; Cengiz Under, Nainggolan, Perotti; Dzeko. Allenatore: Di Francesco

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi