Vuoi la tua pubblicità qui?
14 Giugno 2021

Pubblicato il

Lo sapevate che...

Eliminare le barriere architettoniche in casa: le soluzioni

di Redazione

Il tema è molto ampio e riguarda anche la sfera domestica. Diversi fattori possono rappresentare vere e proprie barriere architettoniche

Barriere architettoniche
Barriere architettoniche: tutti gli ostacoli alla libertà di potersi muovere, in città e in casa

Il tema delle libertà della persona è molto ampio e comprende anche e soprattutto le persone affette da disabilità. La libertà di movimento caratterizza la vita di tutti noi e ci permette di compiere gesti pratici e mantenere le relazioni che riteniamo significative per la nostra vita sociale. Per questo motivo l’abbattimento delle barriere architettoniche e il miglioramento degli accessi agli spazi giocano un ruolo fondamentale in relazione alla qualità della vita di tutti i giorni.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Cos’è la barriera architettonica

Dal punto di vista pratico la barriera architettonica è un qualsiasi ostacolo fisico che impedisce la fruibilità degli spazi ad una persona con ridotte o limitate capacità motorie, sia in ambito pubblico che privato. Ci sono diversi esempi di barriere architettoniche: un semplice marciapiede per strada, magari troppo stretto perché impedisce il passaggio con la carrozzella o con il passeggino o, in ambito domestico, una scala, a prescindere dal numero di gradini che la compongono, oppure un dislivello o un semplice cordolo a bordo strada.

Sono barriere architettoniche anche un segnale mancante che impedisce a un non vedente di orientarsi nei luoghi pubblici o un corrimano posizionato a un’altezza sbagliata.

Il tema è comunque molto più ampio e riguarda anche la sfera domestica. Esistono, infatti, diversi fattori che possono rappresentare dei veri e propri problemi all’interno della casa da questo punto di vista.

Vuoi la tua pubblicità qui?

In casa, in presenza di persone con limitate capacità motorie, è infatti importante adottare alcune soluzioni come gli ascensori per interno che possono essere molto utili e comodi sia per le persone affette da disabilità che per gli anziani che cominciano ad accusare i segni del tempo. I mini ascensori del marchio Stiltz, ad esempio, sono semplici da installare e consumano poco essendo parte del sistema elettrico già esistente nella propria casa. Inoltre è possibile personalizzare l’ascensore in base alle proprie esigenze fisiche ed anche alle preferenze estetiche.

L’accessibilità del bagno

Il bagno è poi uno degli ambienti più importanti in quanto deve garantire libertà di movimento nei vari momenti della giornata. prima di tutto i sanitari e gli accessori da bagno vanno collocati in modo tale da garantire uno spazio di manovra e di accostamento. In aggiunta, predisporre in una posizione centrale per i sanitari e gli accessori permette di effettuare delle manovre con la carrozzina senza difficoltà, oltre a facilitare i vari trasferimenti, cioè dalla carrozzina al wc o dalla carrozzina alla doccia.

In questo contesto sarebbe inoltre opportuno installare dei maniglioni solidi, piastrellare il pavimento con del materiale antisdrucciolo e gli armadietti devono essere privi di spigoli vivi per evitare il rischio di farsi del male accidentalmente andando a sbatterci contro. Tutte caratteristiche che si ritrovano comunemente nella casa per disabili.

Infine, per le persone che non hanno più un’adeguata sensibilità termica, si consiglia di schermare adeguatamente i tubi dell’acqua calda e per una ulteriore sicurezza si consiglia di installare dispositivi che ne regolino la giusta temperatura.

Per quanto riguarda il salotto infine è importante realizzarlo con grandi spazi tra i mobili per permettere alle persone con disabilità motoria di spostarsi e muoversi agevolmente anche in carrozzina. In generale si consiglia uno spazio minimo tra gli arredi che va dai 70 ai 90 cm, per salire anche ai 150 o 170 per le carrozzine.

Anche in camera da letto la disposizione dei mobili e l’organizzazione dello spazio va strutturata sulla base delle esigenze personali del disabile e, se in carrozzina, la persona deve potersi accostare al letto, che avrà un’altezza tale da adattarsi alla persona disabile. Il consiglio in più è quello di acquistare il letto dotato di una struttura metallica per il supporto al sollevamento da sdraiati, la cosiddetta “capra”, oppure installare un sollevatore.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento