Vuoi la tua pubblicità qui?
06 Dicembre 2021

Pubblicato il

Fiumicino, maltempo: residenti protestano

di Redazione
I cittadini di Fiumicino lasciati da soli dopo l'ondata di maltempo

Sembrano destinate ad alimentarsi le polemiche riguardanti i soccorsi nel territorio di Fiumicino a seguito delle pesanti piogge.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Dopo l’intervento dell’Esercito e dei Vigili del Fuoco, non sono cessate nella giornata di martedì gli appelli e le richieste di aiuto di molti cittadini rimasti isolati che hanno denunciato la totale assenza delle istituzioni: “Ancora non si è visto nessuno della giunta comunale di Fiumicino. I cittadini di zona denunciano che a tutt’ora la Protezione civile risulta del tutto assente fisicamente e telefonicamente” – è quanto si legge in un post su Facebook di un residente di Isola Sacra, scritto alle ore 12, che prosegue: “I cittadini ancora lasciati soli, dopo aver passato la notte in mezzo all’acqua al buio e per giunta con i lampioni spenti, stanno facendo pompare l’acqua con il solo mezzo, anche un rudimentale e obsoleto che vedete in foto, gentilmente prestato da un privato per cercare di riversare l’enorme massa d’acqua che ancora ristagna nella strada e nelle nostre abitazioni. I vigili neanche sono venuti per bloccare il traffico degli incivili che pretendono con le loro automobili di attraversare per forza l’incrocio di via Valderoa- via Zanusso, tant’è che questa mattina a causa dell’irruenza di qualcuno è stato danneggiato il tubo per pompare l’acqua. Inoltre non è neanche dotata dei tubi indispensabili per far aspirare l’acqua”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

E’ amaro lo sfogo di chi si sente completamente abbandonato in giorni di grave emergenza e i commenti degli “amici” virtuali non sono da meno: “Questo è il grido di aiuto dei cittadini di Fiumicino, è assolutamente inaccettabile tutto questo, pazzesco e visto il tempo che si sta preparando per altri acquazzoni la situazione sta decisamente diventando tragica. Dove sono le istituzioni??? Doveeeeeeeeeeee!!!!!! Qui i cittadini pagano le tasse come tutti e hanno il sacrosanto diritto di essere assistiti almeno in situazioni di questa gravità !!!! E’ vergognoso, una vera indecenza, ci sono intere famiglie ma insomma è mai possibile tutto questo menefreghismo???”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Non si placano dunque le proteste di chi sta vivendo ore drammatiche, con l’acqua che è entrata nelle proprie case come un vero e proprio invasore violento che porta distruzione. A tutto questo il Comune di Fiumicino sembra voler rispondere con 500 i pasti messi a disposizione presso il centro Catalani per le persone che in queste ore vivono l’emergenza, trecento pranzi al sacco e duecento pasti caldi che saranno serviti presso il centro anziani, diventato punto di primo intervento di via del Faro: “Altri 500 pasti caldi saranno serviti per cena. In caso di impossibilità a muoversi, i Servizi sociali, grazie all’aiuto di volontari ed Esercito, oltre ai pasti recapiteranno nelle case alluvionate i generi di conforto, di prima necessità e i medicinali”.

Ma le polemiche non si sono placate, e a sottolineare i ritardi della Protezione Civile è stato anche il presidente in persona del Comitato Borgo Fiumara Grande, Andrea Ranaldi: “Siamo stati lasciati soli. Si sono viste due macchine della protezione civile di Frascati a liberare le abitazioni, ma solo a 48 ore dall’emergenza. L’emergenza c’è stata – ha concluso Ranaldi – e ce la siamo cavata da soli, ma era emergenza pioggia. Non parlateci più di esondazione. E un’altra cosa: tutto quello che è stato dichiarato da altri componenti del borgo risulta verità”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?