Vuoi la tua pubblicità qui?
09 Dicembre 2021

Pubblicato il

Omicidio a Santopadre

Santopadre, Frosinone. Parla il tabaccaio che ha ucciso il ladro: “Temevo per la mia vita”

di Redazione
Ieri notte a Santopadre un ladro è stato ucciso per un colpo di fucile dal proprietario della villa che stava derubando
La villa a Santopadre nel frusinate con i mezzi di soccorso

Lunedì notte a Santopadre, in provincia di Frosinone, un tabaccaio ha sparato con il fucile a un ladro che stava tentando di rubare nella sua villa uccidendolo sul colpo. Ora è indagato per eccesso di legittima difesa. Il ladro di nazionalità romena che è rimasto ucciso, si era introdotto nella sua villa con altri due complici.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Le parole del tabaccaio

Il giorno dopo il tabaccaio ha parlato con “Il Messaggero” per ricostruire quanto accaduto: “Avevamo capito che in casa era entrato qualcuno. Quando sono uscito nel giardino per controllare, ho visto un uomo in procinto di scappare. Ho sparato in aria, lui si è girato verso di me. Impugnava una pistola, me l’ha puntata contro e a quel punto, temendo per la mia vita, ho sparato“. È provato, e il figlio più di lui” ha spiegato il suo legale.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La ricostruzione dei fatti

Proprio il figlio ha un ruolo importante in quanto è accaduto. E’ stato infatti lui a gridare per allarmare il padre che vi erano dei rumori sospetti. Quest’ultimo era rientrato da poco e si trovava in cantina, dove tiene i suoi fucili. Li tiene regolarmente in quanto cacciatore. E’ stato lui ad accorgersi dei due ladri che scappavano, probabilmente perché colti di sorpresa e tutt’ora sono ricercati. Non è andata allo stesso modo per il terzo uomo, che era rimasto dentro casa provocando altri rumori. A quel punto, dopo essersi avvicinato alla stanza in cui si trovava il ladro, è avvenuto l’incontro. Sentendosi spaventato e minacciato, dunque, il tabaccaio ha sparato un colpo che ha colpito il ladro all’altezza del petto, bucandogli un polmone. Inutile l’arrivo del 118, ormai non c’era nulla da fare.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?