Vuoi la tua pubblicità qui?
05 Dicembre 2021

Pubblicato il

Giro d’Italia, il ciociaro Stefano Pirazzi positivo al doping

di Redazione
Pirazzi e il compagno Ruffoni positivi a un ormone: subito sospesi dalla squadra, che si riserva di licenziarli se le controanalisi confermeranno positività

Una notizia che ha rovinato in parte il clima della vigilia della partenza del Giro d'Italia: due atleti che avrebbero dovuto partecipare alla Corsa Rosa, entrambi della formazione Bardiani-Csf, sono stati trovati positivi a un controllo antidoping. Si tratta di Nicola Ruffoni e Stefano Pirazzi, quest'ultimo legato alla nostra regione, essendo nato ad Alatri e residente a Fiuggi.

Peraltro, al Giro d'Italia 2014, Pirazzi aveva raccolto la gioia più bella della sua carriera, vincendo la tappa di Vittorio Veneto (vittoria festeggiata con un gestaccio tra l'altro). La Gazzetta dello Sport ha rivelato che la sostanza alla quale i corridori sono stati trovati positivi è il il GHRPs, un ormone peptide. Fatali, per i due atleti, i controlli fuori competizione del 25 e del 26 aprile.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La Bardiani-Csf ha immediatamente sospeso Ruffoni e Pirazzi, specificando che "qualora le controanalisi confermassero la positività degli atleti,- si legge in un comunicato – la società sportiva procederà a immediato licenziamento, come previsto dal proprio regolamento interno, già sottoscritto da tutti i corridori del team, riservandosi la possibilità di ulteriori azioni al fine di tutelare la propria immagine e quella dei propri sponsor".  La Bardiani prenderà comunque il via alla prima tappa di oggi, Alghero-Olbia, in quanto, spiega l'organizzazione "non c'è regolamento che lo impedisca, fino alle controanalisi i due corridori non sono ufficialmente 'dopati' e la squadra quindi non può incorrere nell'immediata sospensione dell'attività, prevista dal nuovo regolamento Uci".

Ma nel caso l'esito delle controanalisi arrivasse a Giro in corso, allora non si potrebbe escludere l'allontanamento dalla corsa, con sospensione dai 15 ai 45 giorni di gara per aver avuto tra le sue fila due corridori non negativi negli ultimi 12 mesi. Un vero peccato per Pirazzi, che proprio grazie al Giro d'Italia si era guadagnato la ribalta e l'ammirazione del grande pubblico grazie alla sua condotta di gara sempre generosa e battagliera. La speranza è che possa essersi trattato soltanto di un equivoco, anche se la situazione pare ben delineata.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Un brutta vicenda che il Giro d'Italia, giunto alla centesima edizione, non meritava. Ora si spera che le gesta di Nibali, Quintana, Thomas, Landa, Pinot e gli altri protagonisti possano farci vivere 3 settimane all'insegna dello spettacolo.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?