Vuoi la tua pubblicità qui?
03 Agosto 2020

Pubblicato il

Imu sui terreni agricoli, sindaci dei Comuni Montani in rivolta

di Redazione

Il 12 gennaio manifestazione davanti alla Camera: "Tassare i terreni agricoli va contro il concetto di montagna"

Parte la protesta dei sindaci dei Comuni Montani contro la proroga stabilita dal Consiglio dei Ministri per il pagamento dell'Imu sui terreni agricoli, con una grande manifestazione annunciata per il 12 gennaio a Roma, alla Camera dei Deputati, alla quale interverranno sindaci, parlamentari e rappresentanti governativi per manifestare tutta la loro contrarietà nei riguardi di un provvedimento che sa di  "una presa in giro", come ha dichiarato il presidente del' Uncem veneto Ennio Vigne. L' Uncem (Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani)  è il sindacato della montagna che riunisce Comuni, Comunità ed enti montani  e che ha lanciato la mobilitazione :  "Lo spostamento del pagamento al 26 gennaio – spiega Vigne –  è un assurdità. Tassare i terreni agricoli significa andare a colpire il concetto stesso di montagna".

Secondo l' Uncem  l'Imu agricola doveva essere cancellata, i 350 milioni di euro che lo Stato deve recuperare  devono essere trovati in altra maniera. "Dai tagli ai Comuni sappiamo che non si tornerà indietro, ma non si possono tagliare 350 milioni alla montagna, è inaccettabile" ha dichiarato Vigne nel corso dell'assemblea dei sindaci convocata a inizio dicembre e che si era conclusa con la marcia in Prefettura per  esternare il disagio stanno vivendo gli amministratori, alle prese con continui tagli.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Nei giorni successivi l'Uncem aveva aperto una trattativa con il Governo, chiedendo il ritiro del provvedimento e era sembrata possibile anche una soluzione, cioè  di spalmare i 350 milioni di euro all'interno della local tax che entrerà in  vigore il prossimo anno, ma l'ipotesi è naufragata nel consiglio dei ministri del 12 dicembre, quello nel quale si è deciso che l'Imu sui terreni agricoli resta, va pagata, ma entro il 26 gennaio. Il mese di proroga non consentirà ai comuni di fare i conteggi, quindi saranno i  cittadini  a dover capire quanto pagare recandosi presso commercialisti e Caf.

"Non possiamo accettare né sopportare oltre – ha dichiarato ancora Vigne Il 12 gennaio saremo alla Camera a manifestare".  Una manifestazione funzionale alla soluzione e all'ascolto dei problemi, a cui interverranno sindaci, amministratori e rappresentanti di Governo e Parlamento. I lavori verranno presieduti dal Sen. Giovanni Piccoli, Vicepresidente Vicario dell’Intergruppo Montagna, introdotti dall’On. Roger De Menech, Vicepresidente dell’Intergruppo, e conclusi dall’On. Borghi, Presidente dell'Intergruppo, e dall’On. Gianpiero Bocci, sottosegretario al ministero dell’Interno.

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi