Vuoi la tua pubblicità qui?
16 Maggio 2022

Pubblicato il

Ladispoli, aggressione al Punto di primo intervento

di Redazione
La vicenda, secondo l'assessore regionale D'Amato, "è assolutamente grave e segnala l’esigenza di garantire la sicurezza degli operatori sanitari"
Vuoi la tua pubblicità qui?

Ennesimo episodio di violenza ai danni di un operatore medico-sanitario, a pochi giorni di distanza dall’aggressione avvenuta al Sant’Andrea. Questa volta è accaduto del Punto di primo intervento di Ladispoli.

A notte fonda, un’ambulanza ha portato nel Ppi un paziente in stato di incoscienza. Quando i sanitari hanno iniziato le operazione per la somministrazione di una flebo, l’uomo si è svegliato all’improvviso ed ha iniziato a dare in escandescenza, urlando, dimenandosi e picchiando chiunque gli si parasse davanti. 

I medici e gli infermieri, dopo aver ricevuto calci e pugni dal paziente, si sono riparati dietro ad una vetrata. Nel frattempo è giunta sul posto una guardia giurata, che è stato colpito in pieno volto da un pugno violento ed è caduto a terra sbattendo la testa. Ora è ricoverato all’Aurelia hospital

“La vicenda accaduta a Ladispoli – ha dichiarato l’assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio Alessio D’Amato – è assolutamente grave e segnala l’esigenza di garantire la sicurezza degli operatori sanitari. Auspico che chi ha commesso dei veri e propri reati danneggiando cose e aggredendo persone sia assicurato alla giustizia e paghi fino all’ultimo euro per i danni alle strutture. Agli operatori tutta la solidarietà così come al vigilante aggredito che si trova in ospedale”.

 

Leggi anche:

Paura per un serpente a Ladispoli, ma era un giocattolo

Ladispoli, Uomo nudo in via Flavia

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?