26 Febbraio 2021

Pubblicato il

Vigilia senza "cenone"

Natale in lockdown, dal 24 al 27 dicembre l’Italia è zona rossa

di Redazione

Natale in lockdown: rivediamo le regole previste dal Decreto Natale del 18 dicembre su spostamenti, seconde case, inviti e autocertificazioni

Natale in lockdown. La pandemia da Covid-19 impone ancora severe restrizioni anche durante il Natale, per evitare una terza ondata causata proprio dagli incontri durante le festività.

Il bollettino di ieri 23 dicembre registrava 14.522 nuovi casi a fronte di 175.364 persone testate e 553 morti. Oltre 70mila vittime dall’inizio dell’epidemia.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Ricordiamo che nella regione Lazio i drive-in per l’esecuzione di tamponi per rilevare il Sars-coV-2 sono aperti ma con orario ridotto.

Natale in lockdown: autocertificazione e deroghe

Dieci giorni di zona rossa (24, 25, 26, 27, 31 dicembre e 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio) nei quali sarà “vietato ogni spostamento in entrata e in uscita” sia tra le regioni sia tra comuni e all’interno degli stessi “salvo per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute” spiega il documento del governo. Tuttavia sarà sempre possibile rientrare alla propria abitazione o domicilio.

All’interno dello stesso comune è possibile spostarsi soltanto in possesso di autocertificazione.
Ma vi sono anche due deroghe previste. La prima riguarda l’uscita dai confini dei comuni con meno di 5 mila abitanti, ma solo per 30 km fuori dal comune e non per recarsi nei capoluoghi di provincia.

L’altra deroga è legata alla possibilità di invitare per pranzi e cene delle festività solo due congiunti non conviventi, con eventuali minori sotto i 14 anni o disabili a carico. Questi possono spostarsi “una sola volta al giorno” e “verso una sola abitazione”, recita il decreto.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Posso fare attività sportiva e motoria?


Recarsi nelle seconde case all’interno della stessa regione sarà sempre possibile durante l’intero periodo delle feste, ovvero dal 24 al 6 gennaio.

E’ permesso svolgere sia attività motoria, “individualmente” e “in prossimità della propria abitazione purché nel rispetto della distanza di almeno un metro e con l’obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione”, sia attività sportiva, ma anche questa solo in forma individuale ed “esclusivamente all’aperto”.


 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento