Pubblicato il

Periferie

Periferie di Roma contro Brumotti: “perché nomini solo lo spaccio?” Il Quarticciolo si ribella

di Redazione
"Basta comparsate spot, le nostre vite non sono uno show televisivo", dicono gli abitanti del Quarticciolo
Carabinieri nel quartiere del Quarticciolo di Roma
Vuoi la tua pubblicità qui?

“L’intento di Brumotti è quello di spettacolarizzare i problemi delle periferie, ma chi ci abita già li conosce bene. È almeno la terza volta che viene qui al Quarticciolo. Ma la sua è solo l’ennesima comparsata in borgata che non risolve nulla”. A parlare è un abitante del Quarticciolo, periferia est di Roma, contattato dalla Dire per commentare un video pubblicato su Facebook dalla community ‘Quarticciolo Ribelle’ in occasione dell’ultima visita dell’inviato di ‘Striscia la notizia’, Vittorio Brumotti, che all’incirca una settimana fa si è recato nuovamente nel quartiere per documentare la vendita di spaccio sul territorio.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Nel video si vede Brumotti, con la solita bici alla mano, incalzato da un abitante del Quarticciolo: “Insieme agli amici della Palestra Popolare gestiamo tanti bambini che non hanno un’alternativa, perché nei tuoi servizi non lo dici? E lo facciamo gratuitamente, senza prendere i soldi da Mediaset e senza avere una bicicletta da diecimila euro. 

Perché non racconti il fatto che qui le persone vivono in 27 metri quadrati e gli piove dentro casa? Perché nomini solo lo spaccio? Se vuoi davvero fare il ‘campione’ vieni qui ad aiutarci con i bambini, tutti i pomeriggi, cercando di offrirgli un’alternativa. Le persone del Quarticciolo sono stanche di interventi spot”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Ad accompagnare il video, quindi, un post di ‘Quarticciolo Ribelle’, in cui si legge: “La settimana scorsa siamo scesi sotto casa e ci siamo imbattuti in Brumotti, all’ennesima comparsata in borgata, accompagnato da decine di agenti di polizia e cameraman. La strada bloccata, ragazzi del quartiere fermati e perquisiti solo perché vivono al Quarticciolo.

Questa volta però il servizio glielo abbiamo fatto noi, stanchi di vedere interventi spot di sedicenti giornalisti, ‘preti antispaccio’ e polizia che piombano in borgata. Dopo lo show tutto resta uguale, il quartiere rimane nello stato di abbandono in cui vive da anni“.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Prosegue il post: “Siamo consapevoli della situazione in cui si ritrova il Quarticciolo e sappiamo bene quali sono le problematiche. Negli anni molti giornalisti sono venuti qui, perché pensiamo sia importante raccontare quartieri come il nostro, ma per mettere in luce le responsabilità delle istituzioni e le esperienze che dal basso cercano di migliorarla.

Non per puntare le telecamere solo per alimentare lo stigma di chi nasce in una borgata come la nostra. Abbiamo ricordato a Brumotti come qui gli abitanti si organizzano dal basso in un comitato, in una palestra popolare, in un doposcuola, in un ambulatorio e lottano per far sì che istituzioni assenti e complici facciano la loro parte.

In queste settimane stiamo lottando contro il dimensionamento scolastico, contro il rischio che la Pirotta, la scuola di Quarticciolo chiuda, ma quasi nessun mezzo di informazione si è interessato al problema. Non ci stupisce che le immagini che vedete in questo video non siano andate in onda su ‘Striscia la notizia’, poco interessata a dare veramente voce al nostro quartiere. Le nostre vite non sono uno show televisivo“, conclude “Quarticciolo Ribelle”. (Dire)

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?