Vuoi la tua pubblicità qui?
22 Aprile 2021

Pubblicato il

Paura dei passeggeri

Roma, bus a fuoco in piazza Pio XI, fiamme ed esplosioni spaventano i passeggeri

di Redazione

L'ennesimo bus andato distrutto dalle fiamme. L'Atac cerca di giustificare l'ingiustificabile

bus a fuoco roma
Bus a fuoco (Roma)

Ancora un bus a fuoco nella Capitale, l’ultimo di una lunga serie. L’ennesimo episodio di una serie battezzata dalla rete ‘flambus’ (bus flambè) che conta dall’inizio dell’anno almeno una ventina di casi.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Questa volta è toccato a un autobus della linea 881, che collega il centro storico, nei pressi del Vaticano, con il quartiere della Pisana. Il bus ha preso fuoco in piazza Pio XI, all’altezza del civico 76. Il mezzo è andato completamente distrutto.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Paura dei passeggeri: fiamme ed esplosioni

Testimoni raccontano che oltre alle fiamme si sono verificate anche alcune esplosioni, probabilmente causate dagli pneumatici.

“Per ragioni ancora da stabilire, intorno alle 12.30 si è sviluppato un incendio su un bus della linea 881 mentre percorreva piazza Pio XI. Non ci sono state conseguenze per le persone.

Atac “precisa”: vettura di oltre 15 anni

La vettura era in servizio da oltre 15 anni“, ha precisato, giustificandosi Atac, ma non ci sono più scusanti per quello che succede da anni ormai sulle vie di Roma, episodi che mettono a rischio l’incolumità degli utenti.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco con tre mezzi e gli agenti del gruppo Aurelio della Polizia locale di Roma Capitale. I pompieri hanno provveduto a spegnere il fuoco divampato mentre gli agenti hanno aiutato l’autista della vettura a far scendere i passeggeri spaventati.

La vetustà dei mezzi e la mancanza di manutenzione caratterizzano la situazione del trasporto locale capitolino. Così a Roma gli autisti e i passeggeri rischiano letteralmente la vita ogni giorno.

(Red/ Dire) 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento