07 Marzo 2021

Pubblicato il

Non un evento sporadico

Roma, pino di 20 metri cade su auto: non è allarme eccezionale ma pericolo costante

di Giulia Bertotto

Questa volta nessun ferito ma come si può uscire e camminare in una città con questo rischio a ogni temporale?

Un pino di 20 metri è caduto su alcuni mezzi in sosta, poco prima delle 4:15, in via Giovanni Severano 33, in zona piazza Bologna a Roma. Si tratterebbe di un’autovettura e 2 ciclomotori. Il coinvolgimento di altri mezzi è in fase di accertamento. Sul posto il gruppo Sapienza della Polizia Locale di Roma Capitale. Per fortuna non c’è stato nessun ferito.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Roma, non è il primo pino a fare danni

Ma nella capitale non si tratta di un fatto isolato o di un evento sporadico. Il 27 luglio 2019 un altro pino era piombato sull’auto di una 51enne, trasportata in ospedale in codice giallo. In quell’occasione avevamo intervistato Daniele Diaco, Presidente Commissione Ambiente Roma Capitale, che ci aveva parlato genericamente di un fungo interno all’alberatura, quasi impossibile da rilevare dall’esterno.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La capitale conta quasi sessantamila grandi alberi a rischio, perché malati, danneggiati o a fine vita, di cui appena il 10 per cento è stato interessato da potature, cure o interventi per evitare quei pericoli che puntualmente si presentano a ogni ondata di maltempo, soprattutto con il forte vento. Così scriveva Il Messaggero nel febbraio 2019, dopo che un altro pino secolare si era schiantato al suolo nel quartiere Prati. Due persone furono ricoverate in codice rosso. Più tardi si scoprì che quel pino era da abbattere già nel 2017 secondo i registri dell’amministrazione. Sempre secondo questa testata solo nel 2019 caddero 460 alberi, (calcolo del dicembre 2019).

Non sembra il caso quindi di gridare all’allarme imprevisto. Occorre una cura esperta e sistematica della vegetazione urbana, per il benessere delle piante e per la sicurezza delle persone.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento