Vuoi la tua pubblicità qui?
25 Settembre 2021

Pubblicato il

Una scoperta continua

Roma, scoperta testa monumentale di Augusto negli scavi di via Alessandrina

di Redazione
"Una testa monumentale, alta 43 centimetri, dunque la statua cui apparteneva superava i due metri"
testa augusto
Testa imperatore Augusto, scavi via Alessandrina a Roma

Una testa ritratto di Augusto, capostipite della dinastia imperiale, rappresentato nella tipologia del condottiero. È questo l’ultimo regalo che arriva da via Alessandrina, a Roma, dove sono stati conclusi gli scavi portati avanti dalla Sovrintendenza capitolina.

Reperti collocati ai Mercati di Traiano

La testa, ha spiegato Claudio Parisi Presicce, è “monumentale ed è alta 43 centimetri, dunque la statua cui apparteneva superava i due metri“. Oltre alla testa di Augusto, in una conferenza stampa online la sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha illustrato anche gli altri reperti rinvenuti durante i lavori. Tra questi, anche la ormai famosa testa di Dioniso. I reperti sono stati collocati ai Mercati di Traiano.

“Oggi sveliamo al mondo un ritrovamento estremamente prezioso – ha detto Raggi – Abbiamo concluso gli scavi in via Alessandrina e sono venuti fuori reperti eccezionali: dalla testa dell’imperatore Augusto a quella del dio Dioniso fino ai frammenti del Fregio d’Armi del Foro di Traiano che decoravano i pannelli di marmo della Basilica Ulpia e, forse, i portici della piazza del Foro di Traiano.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Restituiamo una nuova e meravigliosa area dei Fori Imperiali grazie ad un intervento frutto della sinergia tra Roma Capitale e Mibact-Parco Archeologico del Colosseo, e all’atto di mecenatismo della Repubblica dell’Azerbaigian. Roma è una scoperta continua, uno scrigno prezioso che non smette mai di stupirci”, ha concluso la sindaca Virginia Raggi.
(Dip/ Dire) 

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo