08 Agosto 2020

Pubblicato il

Sanità, pediatria: le sfide sono la denatalità e il disagio psicosociale

di Redazione

Nel 1898, quando nasceva la Società italiana di pediatria, i nati erano oltre 1 milione, adesso sono meno di mezzo milione

"Nel 1898, quando nasceva la Società italiana di pediatria (Sip), i nati erano oltre 1 milione, adesso sono meno di mezzo milione. È importante tutelare e garantire l'assistenza pediatrica a tutti i bambini e affrontare i problemi della denatalità, dei bambini con difficoltà e del disagio psico-sociale". Sono queste le sfide a cui in futuro la pediatria si troverà a far fronte secondo il presidente della Sip, Alberto Villani, che parla in occasione della cerimonia per i 120 anni della società scientifica, oggi alla Camera. "Mai come oggi- spiega Villani- è importante tutelare la salute del bambino. La nostra società non è ritagliata per i più piccoli, siamo il paese con la più bassa natalità al mondo e c'è poca attenzione verso i minori. La Società italiana di pediatria ha sicuramente un ruolo fondamentale nel tutelare i loro diritti e la loro salute".

La prima grande sfida, aggiunge Villani, è quindi "garantire l'assistenza pediatrica a tutti i minori e a tutti coloro che sono in età riproduttiva. La salute è un diritto costituzionale e dobbiamo garantirlo". Le altre grandi sfide sono la "detanalità, i bambini con difficoltà e il disagio psico-sociale. In tutti questi campi ci sono sicuramente dei grossi margini di lavoro da compiere. Il messaggio per i pediatri- continua Villani- è cercare di fare di tutto per garantire i diritti dei bambini in un mondo nel quale i bambini trovano sempre più difficilmente attenzione e spazio. Un altro grande probleme è proprio la carenza dei pediatri". Nel 1898 un "terzo della popolazione erano bambini, ma l'aspettativa di vita era di 35 anni, oggi si arriva a 82 anni e su questo punto incide il lavoro dei pediatri".

Un dato "allarmante", ricorda il presidente della Sip, Alberto Villani, riguarda la "mortalità infantile e la sua prevalenza nell'ambito delle malattie infettive, che rappresentano ancora oggi un problema molto grande. La battaglia contro le malattie infettive non è stata vinta". Il presidente della Sip conclude: "Nel 1898 era disponibile solo 1 vaccino, adesso ne sono resi disponibili 16. La società deve fare molto per salvaguardarli, così come deve attenzionare anche l'allattamento al seno e i giochi. I bambini non giocano più'". La Sip ha ricevuto per le celebrazioni dei 120 anni una targa del Presidente della Repubblica come premio di rappresentanza.

 

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi