Vuoi la tua pubblicità qui?
04 Luglio 2020

Pubblicato il

Tozzi: “Ecco il rischio sismico”

L'italia è un paese sismico. 40 miliardi è la cifra per salvaguardare il nostro patrimonio

Nella trasmissione di Un Giorno Speciale, in onda su Radio Radio, condotta da Francesco Vergovich, gli ospiti Marco Guidi, Mario Tozzi e il sindaco di Sora Ernesto Tersini affrontano la questione del problema sismico in Italia, con particolare riferimento a quanto accaduto, in questi ultimi giorni, nella provincia di Frosinone e nel comune di Sora.
"Abbiamo un patrimonio artistico che è continuamente a rischio -afferma Marco Guidi- una chiesa del '500 non può essere stata costruita seguendo norme antisismiche; questo è un problema che non dipende dalle regioni né dalle province, ma è un problema che dovrebbe essere affrontato dal prossimo governo in carica, qualora dovesse averne la voglia, il tempo e i soldi. E, a proposito di soldi, il professor Mario Tozzi  pensa che "per un intervento a livello nazionale per la messa in sicurezza del patrimonio artistico- riferendosi solo al rischio idrogeologico e non sismico- ci voglia una cifra pari a 40 miliardi (la stessa per i rischi sismici)" -continua il prof. Tozzi- Per questo ci vuole un lavoro di organizzazione e pianificazione degli amministratori comunali, che dovrebbero indicare quali sono le zone a rischio sin da subito, altrimenti il danno lo creano loro". 
A tal proposito, il sindaco Tersini concorda con l'intervento del professore, ma sottolinea la mancanza di materia prima: il denaro.
"Ma la questione non è legata solo ai soldi -afferma Tozzi- più che altro bisogna sapere dove costruire''. "L'Italia è un paese sismico -ribatte Marco Guidi- bisogna pensare adesso a cosa fare, giorno per giorno, alle piccole Sore sparse per l'Italia; 40 miliardi sono un importo a cui si può far fronte, se diluiti in 30 anni. In questo modo si agevolerebbe un intervento concreto, anno per anno, per risolvere problemi di sicurezza, a salvaguardia del nostro patrimonio".

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi