27 Ottobre 2021

Pubblicato il

Comportamenti violenti

Zagarolo, minaccia di morte i clienti di un bar. Arrestato 58enne: aveva numerose armi

di Chiara Fedeli
Una volta rintracciato dai Carabinieri, l'uomo li ha aggrediti verbalmente e fisicamente
I Carabinieri della Compagnia di Palestrina

Aveva minacciato di morte i clienti di un bar della zona durante una lite scaturita per futili motivi. Il fatto accadeva qualche giorno fa, e a seguito delle indagini dei Carabinieri della Stazione di Zagarolo e della Compagnia di Palestrina, è emerso che l’uomo fosse in possesso di porto d’armi, nonché detentore di numerose armi da fuoco. Ritenuto un soggetto pericoloso, quindi, i militari hanno fatto scattare un controllo nella sua abitazione, per procedere anche al ritiro delle armi in via cautelativa, dopo le minacce e gli atteggiamenti aggressivi dello stesso.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Non presente in casa all’arrivo dei Carabinieri, questi lo hanno rintracciato e subito raggiunto presso un autolavaggio. Alla vista degli uomini in divisa, però, non ha reagito bene: il 58enne prima li ha aggrediti verbalmente, poi è diventato violento fisicamente. Immobilizzato dalle forze dell’ordine, lo hanno poi portato in caserma in stato di arresto per resistenza a Pubblico Ufficiale. In quel momento i Carabinieri si sono inoltre resi conto che il signore era solito circolare con una carabina ad aria compressa calibro 4,5, rinvenuta nel bagagliaio della sua auto, immediatamente posta sotto sequestro.

L’atteggiamento resistente e aggressivo dell’uomo è proseguito anche in caserma: si è dovuto richiedere l’intervento del 118. Una volta sedato e trasportato nell’Ospedale di Colleferro, è stato ricoverato nel reparto di psichiatria. I Carabinieri hanno disposto il sequestro delle numerosi armi presenti all’interno dell’abitazione dell’uomo.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo