Vuoi la tua pubblicità qui?
19 Aprile 2021

Pubblicato il

Al via la stagione venatoria 2014. Occhio alla penna…

di Redazione

Riapre la caccia. Le doppiette tornano a farsi sentire anche nel bel mezzo delle città

Uno, due… tre colpi e il piccione viene giù. Non c’è rimasto molto del volatile. I colpi lo hanno quasi disintegrato ma tant’è.  D'altronde, da diversi anni,  non c’è molto altro a cui sparare e il piccione cittadino sembra essere  l’ultima spiaggia per far tuonare un fucile ’che altrimenti: “che siamo venuti a fare?”.

E allora, stamattina come tutti gli anni, la giornata di caccia è cominciata ben prima dell’alba. Non sono risparmiate nemmeno le poche aree verdi che circondano le grandi città come Roma dove, grazie a controlli pari a 0, la pioggia dei pallini di piombo arriva non di rado sui tetti dei condomini.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Per le statistiche di rito, quelle che raccontano di colpi partiti per sbaglio e di stivali impallinati, è ancora presto e la maggior parte degli uccelli protetti dalla legge non sono mai stati un grosso problema per nessuno se non per i pochi operatori forestali che, da soli, possono ben poco nonostante l’impegno e la passione.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il sole, ormai, è su da un pezzo e il cielo di Roma sembra più sgombro che mai. Poche nuvole e ancor più rari i battiti d’ali. Solo i fucili continuano a tuonare. A chi o cosa sparino? Arduo, se non impossibile, rispondere.  Nemmeno i Ris di Parma ci hanno capito molto. Ci vorrebbe qualche pentito.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento