Vuoi la tua pubblicità qui?
07 Dicembre 2022

Pubblicato il

Buste paga sbagliate in Campidoglio: dipendenti chiedono risarcimento di 10 milioni

di Redazione
La battaglia legale sul maxi riconoscimento degli scatti di anzianità mai messi in busta paga in 7 anni
Campidoglio di Roma

Quasi 10 milioni di euro, quanto i dipendenti del Campidoglio chiedono per l’ingarbugliata vicenda degli errori in busta paga.

Una cifra da capogiro che pare molto probabile che si debba restituire a 1.728 unità di dipendenti di Roma Capitale. Un ricorso in massa al cospetto del giudice del Lavoro.

La richiesta dei dipendenti è il riconoscimento di scatti di anzianità e progressioni economiche. A loro dire questi elementi che sarebbero stati totalmente non presi in considerazione nel conteggio degli stipendi per almeno 7 anni.

La chiusura della vicenda è prevista con l’ultima udienza all’inizio del 2023 e, qualora il giudice dovesse accogliere la richiesta delle masse di dipendenti capitolini, allora l’amministrazione dovrebbe ricalcolare nuovamente i compensi.

Le parole dell’avvocato Giuseppe Pio Torcicollo che si occupa della causa dei dipendenti comunali: “In caso di sentenze favorevoli, procederemo all’azione esecutiva”.

Il conteggio delle progressioni sbagliate dal Campidoglio

Secondo i dipendenti che hanno fatto ricorso, mancano degli scatti di anzianità non riconosciuti in busta paga maturati nel 2011, 2012 e 2013.

La causa di questo mancato conteggio sarebbe una errata interpretazione di una norma sul lavoro.

La norma, a quanto pare, prevedeva il blocco delle progressioni solo sul piano economico, ma non dal punto di vista giuridico.

L’adeguamento delle buste paga e le progressioni di carriera non sarebbero mai avvenuti. Il conto che le casse del Campidoglio si troverebbe a dover saldare si preannuncia più che salato: 9.968.840 euro, secondo le stime fatte dal legale, circa 800 euro all’anno saltati dal Comune. 

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo