Vuoi la tua pubblicità qui?
28 Settembre 2020

Pubblicato il

Cade un masso alla Santissima Trinità: 15enne in ospedale

di Redazione

Tragedia sfiorata per un ragazzo di Sonnino. Il padre denuncia la mancanza di sicurezza nella zona

Poteva essere una vera e propria tragedia l'incidente avvenuto al Santuario della Santissima Trinità. Nella giornata di domenica 29 giugno Umberto Ambrifi di Sonnino si trovava a piedi in compagnia di suo figlio Alessandro di anni 15 e della sua famiglia nella piazzetta antistante il Santuario situato nella località di Vallepietra (Roma), quando un masso di pietra delle dimensioni di circa 30 cm x 40 cm si è staccato dal costone roccioso che sovrasta il luogo di culto ed è precipitato sull'area sottostante percorsa dai fedeli a pochi passi dall'uscita delle sale ex voto. A causa dello schianto al suolo, il masso si è frantumato e alcuni frammenti hanno colpito l'adolescente, che si è procurato alcune lesioni.

Alessandro è stato trasportato con mezzi propri al Presidio Ospedaliero "Spaziani" di Frosinone per i dovuti accertamenti e le cure opportune, dato che al Santurio della Santissima Trinità di Vallepietra  non ci sono punti di assistenza medico-sanitaria né fissi né mobili. Tanta paura e apprensione anche tra tutti i fedeli che nella circostanza erano in preghiera all'aperto durante la funzione religiosa tenuta a pochi metri dal luogo della caduta del masso.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il padre del ragazzo ha sporto denuncia presso la stazione dei Carabinieri di Vallepietra e, passata la paura per un evento che poteva assumere proporzioni di gravità inaudita, ha richiamato l'attenzione sulla pericolosità dell'intera area del Santuario della Santissima Trinità di Vallepietra, meta di tanti fedeli, sottoposta a rischio frequente di caduta massi. Il signor Umberto Ambrifi di Sonnino si augura che le autorità intervengano per la messa in sicurezza del luogo sacro, onde evitare eventuali conseguenze fatali, come ad esempio quella in cui sarebbe potuto incorrere il figlio Alessandro.

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento