Vuoi la tua pubblicità qui?
10 Giugno 2021

Pubblicato il

Elite

Cannes, le stanze di Nanni: tra caviale, nutella e Instagram

di Redazione

Il regista è in concorso a Cannes col suo nuovo film "Tre piani" e si scopre appassionato della comunicazione social e delle note di Mahmood

Cannes, Nanni
Tre Piani di Nanni Moretti Sacher Film - Fandango

Nanni Moretti, ovvero, c’era una volta Battiato. Il “sentimento popolare” di oggi lo si canta facendo il verso al contemporaneo Mahmood.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La sentenza viaggia su Instagram dove il regista romano, pochi giorni fa, accompagnato dal cast femminile del suo nuovo film Tre piani, si è prodotto in questa geniale carrambata, attraverso la quale annunciare al mondo che l’opera sarà in concorso sulla Croisette a luglio, al Festival del cinema di Cannes.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Nanni torna a Cannes

Una sorpresa accolta con la dovuta ironia dagli spettatori, tutti memori del precedente esperimento canoro, datato 1989, quando Nanni nel film Palombella Rossa aveva intonato (e stonato) a cappella E ti vengo a cercare, meraviglioso brano mistico del cantautore siciliano, sottolineandone sarcasticamente proprio il punto di contatto tra popolo e elite, profano e sacro, volgo e crema intellettuale organica in un Pci in via di scioglimento.

Tre piani, il film, uscirà nelle sale il 23 settembre. C’è di mezzo un’estate e, chissà, magari un’altra palma d’oro, come fu per La stanza del figlio nel 2001.

Sarà interessante vedere come Moretti traspone in un suo film il racconto di un altro, lo scrittore israeliano Eshkol Nevo, autore della versione letteraria di Tre piani.

Nel film Margherita Buy e Riccardo Scamarcio

Nel cast tra gli altri anche Riccardo Scamarcio e Margherita Buy, ormai da considerare una delle muse di Nanni, soprattutto dopo che in Mia madre, le ha di fatto lasciato l’interpretazione di se stesso, traslitterando al femminile tutti i tic e i vezzi da regista, dentro e fuori dal set, che ben si conoscono in lui.

La maturità di Moretti fa ben sperare perché ci sta restituendo un autore sempre più abile nello sciogliersi in racconti intimi e delicati, qualcosa che lo rende molto più piacevole, anche al di fuori della cerchia dei morettisti devoti alla sinistra al caviale.

Il volto sempre corrucciato

Il suo volto sempre corrucciato, la timidezza nascosta dalla barba non sono altro che parte dell’espressione del magnifico non-finito, quasi leonardesco, di cui il cinema di Nanni è pieno. Un coacervo di contraddizioni che dalla regia alla politica, l’hanno portato a uscire dalle righe spesso, ma al tempo stesso a non andare mai oltre, restando sempre nel ruolo di cineasta, protagonista sì ma scrutatore stralunato e perplesso di un mondo che ci costringe fin troppo a scegliere.

Vado o non vado a quella festa? E come mi si nota di più? Fino al tormento di Papa Michel Piccoli che in Habemus Papam chiude la finestra sulle speranze, proprio come fece Papa Nanni con il popolo dei “girotondi”. Perché in fondo, al diavolo pure il caviale. Meglio, molto meglio una fetta di pane spalmata con la Nutella, lei sì, come diceva pure Gaber, indiscutibilmente di sinistra.

Daniele Priori

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento