01 Marzo 2021

Pubblicato il

Roma Multiservizi

Cds accoglie ricorso Multiservizi contro Campidoglio: stop aggiudicazione gara al Cns

di Redazione

"Il Consiglio condanna Roma Capitale al pagamento di 2.500 euro di spese processuali in favore di Multiservizi"

multiservizi ricorso accolto
Palazzo Spada, sede del Consiglio di Stato

La quinta sezione del Consiglio di Stato ha accolto il ricorso della Roma Multiservizi Spa contro il Campidoglio. Confermando così la sospensione dell’aggiudicazione al Cns dell’appalto global service. Con l’ordinanza il Consiglio condanna inoltre Roma Capitale a pagare 2.500 euro di spese processuali in favore di Multiservizi.

Le motivazioni

Nelle motivazioni dell’ordinanza, il Cds spiega che la determina dirigenziale del 6 luglio 2020, n. 331 del Campidoglio, recante ‘Affidamento in via d’urgenza ai sensi dell’art. 63, del D.Lgs 50/2016, della scelta del socio privato per l’affidamento del servizio scolastico integrato di competenza di Roma Capitale a Società S.p.A. mista pubblico-privata’, “è motivata con ragioni di estrema urgenza che renderebbero strettamente necessario il ricorso alla procedura negoziata senza bando”.

Ordinanza sospensione procedura negoziata senza bando

Tuttavia, “come obietta la ricorrente, il riferimento a tale ultima fattispecie è da intendersi elusivo dell’ordinanza di sospensione della procedura negoziata senza bando, già avviata ai sensi dell’art. 63, comma 2, lett. a), nel presupposto che fosse andata deserta la procedura aperta precedentemente indetta, dalla quale è stato escluso l’unico offerente RTI Rekeep- Multiservizi”.

Tali circostanze, spiegano i giudici, “inducono, infatti, ad escludere che la procedura oggetto delle determinazioni qui contestate sia una ‘procedura […] nuova e diversa’ rispetto a quella sospesa”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Inoltre, la determina in oggetto “non è stata preceduta da un avviso di indizione della gara o altro atto equivalente. Né è stata adottata seguendo il procedimento previsto dallo stesso art. 63, comma 6.

Consiglio di Stato accoglie ricorso della “Roma Multiservizi”

Il che non costituisce tanto (o soltanto) vizio della procedura negoziata senza bando ma anche conferma della portata elusiva dell’ordinanza cautelare n. 5108/2019 che va attribuita all’iniziativa assunta da Roma Capitale”.

Secondo il Consiglio, infatti, “la combinazione degli eventi e del contenuto degli atti su elencati dimostra inequivocabilmente che si è venuta a porre in essere, da parte dell’amministrazione capitolina, una sorta di “fusione” tra le (asserite) due procedure.

Vuoi la tua pubblicità qui?

L’una avviata ai sensi dell’art. 63, comma 2, lett. a) e l’altra (solo) dichiaratamente ai sensi dello stesso art. 63, comma 2, lett. c), del d.lgs. n. 50 del 2016 e succ. mod., nella quale ultima la stazione appaltante si è avvalsa degli atti già adottati nell’ambito della N. 06317/2020 REG.RIC. prima e sospesi con l’ordinanza cautelare della cui esecuzione si tratta”.

Consorzio nazionale servizi, unico offerente

In sintesi, conclude l’ordinanza, “il procedimento che ha individuato l’unico offerente Cns è stato portato a conclusione mediante l’affidamento a quest’ultimo dello stesso servizio oggetto della gara sospesa.

Gara della quale hanno utilizzato addirittura lo stesso codice identificativo (CIG). E l’affidamento ricalca le stesse condizioni perfettamente coincidenti con quelle dell’offerta presentata da CNS nella procedura sospesa.

Si è così realizzata una fattispecie paradigmatica di elusione del giudicato (anche cautelare), che si ha quando il comando del giudice non è violato direttamente ma mediante l’adozione di atti che consentono all’amministrazione di conseguire esattamente il risultato vietato, come accaduto nel caso di specie”. (Mgn/ Dire)

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento