27 Ottobre 2021

Pubblicato il

Filippo Roma (Le Iene): Minacce di morte, dopo l’inchiesta su Di Maio

di Redazione
Il giornalista televisivo non drammatizza e liquida la cosa come i deliri dei soliti “leoni da tastiera”

Rischi del mestiere, o magari anche meno: semplici fastidi. Cose che certamente non fanno piacere e che forse un minimo di dubbio te lo lasciano (sarà solo un esagitato innocuo, quello che mi minaccia, o al pari di certi stalker passerà a vie di fatto?) ma che tutto sommato si possono accantonare come disturbi di routine.

Filippo Roma, il giornalista delle Iene che ultimamente si è occupato dell’azienda del padre di Luigi Di Maio e dei suoi dipendenti pagati in nero, è intervenuto questa mattina a Un giorno speciale, la trasmissione di Francesco Vergovich su Radio Radio, e ha parlato dei messaggi minatori che gli sono arrivati da chi si è infuriato per quanto è stato reso di pubblico dominio. Esponendo il vicepremier a una pressione mediatica a dir poco sgradevole.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il racconto di Filippo Roma (Le Iene), minacciato per l'inchiesta su Di Maio

I toni, tuttavia, sono abbastanza distaccati. Da un lato è vero che le minacce di morte ci sono state, e “Non è la prima volta che accade. Anche l’anno scorso, quando feci l’inchiesta sulle false restituzioni dei parlamentari 5 Stelle si attivò tutta questa massa di simpatizzanti o attivisti – non so come chiamarli – che hanno cominciato a insultarmi in tutti i modi”. Dall’altro lato, non c’è da dare troppo credito a questo genere di messaggi: “Sono convinto che siano i tipici comportamenti dei ‘leoni da tastiera’ che in preda alla frustrazione ti scrivono ‘sta cosa per sfogare il loro odio momentaneo”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Conclusione, assai sensata, “non do molta importanza a queste minacce, perché chi ti vuole ammazzare non ti minaccia: ti aspetta sotto casa e ti dà la botta in testa”.

Ancora più interessante, però, è il passaggio in cui Roma sintetizza l’assunto di quegli attacchi: “Tu lavori per Mediaset, Mediaset è invisa ai 5 Stelle, è Berlusconi che ti fa fare queste inchieste”. Un "teorema" che non avrebbe alcun fondamento, in quanto “in passato ho perseguitato Letta (Enrico, ndr) quando era presidente del Consiglio, e poi Matteo Renzi. Quello che ci si dimentica è che alle Iene ho fatto dei servizi su tutte le forze politiche. Oggi i 5 Stelle stanno al governo e di questo parliamo”.

In realtà l’analisi da fare sarebbe più approfondita, ma questa è la versione di Filippo Roma ed era giusto registrarla.

Leggi anche:

Luigi Di Maio: Mi hai mentito. Diverbio infuocato con il padre

Rimborsi M5S, le Iene pubblicano i primi 10 nomi dei parlamentari

Roma. Le Iene attaccano la Raggi: “Firme false per la sua candidatura”

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo