Vuoi la tua pubblicità qui?
19 Settembre 2021

Pubblicato il

Frosinone demolito dalla Sampdoria, allo Stirpe finisce 0-5

di Nicola Compagnone
Secondo tempo del Frosinone da dimenticare, prima vittoria in campionato rimandata

L'analisi del giorno dopo – Doveva essere il giorno della prima vittoria in campionato invece è stata una disfatta assoluta. Potrebbe essere questo il tema centrale del match tra Frosinone e Sampdoria che si è giocato ieri sera allo stadio Benito Stirpe; tifosi che hanno abbandonato le tribune dopo il gol dello 0-4. 

E' finita con mister Longo che in sala stampa si trova a dover chidere scusa ai tifosi per la brutta prestazione e per la netta sconfitta per 5 reti a 0; un risultato che non lascia repliche. L'unica cosa da salvare sono appunto i tifosi che hanno incitato la squadra dal riscaldamento fino al fischio finale, semplicemente encomiabili. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Sotto il punto di vista del gioco tanti gli aspetti sui quali si dovrà lavorare in settimana, soprattutto l'ingresso di alcuni nuovi arrivati tra i quali Hallfredsson che nel piccolo scampo di gara che ha giocato non ha per nulla impressionato, suo il fallo da rigore. Nel primo tempo imperdonabile errore di Brighenti che con un passaggio orizzontale al limite della propria are di rigore regala palla alla Samp, abili i giocatori di Giampaolo a sfruttare al meglio l'occasione mettendo a segno il gol dello 0-1 con il solito Fabio Quagliarella che poi uscirà a metà secondo tempo tra l'ovazione del pubblico. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Domenica arriva la Juve in una partita che sarà una parata di stelle, il Frosinone dovrà essere abile a non predendere una nuova imbarcata vista la caratura assoluta degli avversari, lo spettacolo assicurato oltre che sul campo sarà ovviamente anche sulle tribune dove i tifosi ciociari non daranno tregua a Cristiano Ronaldo e co. 

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo