Vuoi la tua pubblicità qui?
28 Settembre 2020

Pubblicato il

Lazio, giallo Minala: ha 17 anni o 42?

di Redazione

Dall'Africa: "Il calciatore ha confessato di avere 42 anni". La Lazio smentisce e annuncia querele

Lo strano caso di Benjamin Button alias Joseph Minala. Dopo le perplessità dell’opinione pubblica che si interrogava sulla reale età del 17enne giocatore della Lazio, dall’Africa il portale senego.net ha riportato una presunta confessione del ragazzo (o uomo maturo?): ““Festeggerò i miei 42 anni nel mese di agosto, prima di continuare spero che la Lazio decida di tenermi”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

L’ironia impazza sul web e i dubbi di tanti sembrano trovare conferma. La Lazio però non ci sta e dirama un comunicato nel quale “conferma l’assoluta legittimità della documentazione depositata presso gli organi federali” e “denuncia l’ennesimo tentativo, da parte di ambienti ostili, di gettare luce sinistra sull’operato del Club”.
“La S.S. Lazio – prosegue la nota – preannuncia sin d’ora ogni azione mirante a far cessare un tale comportamento nel rispetto dei tifosi e dei calciatori e si riserva di agire nei confronti dei responsabili per la tutela del buon nome della Società e del calciatore”.

Poi tocca allo stesso Minala smentire le dichiarazioni apparse sul portale africano: “Ho preso conoscenza delle presunte dichiarazioni che sono state attribuite in un comunicato apparso sul portale senego.net, nelle quali avrei confessato la mia reale età rispetto a quella risultante nei miei documenti – le dichiarazioni di Minala, riportate dal sito ufficiale biancoceleste – “Si tratta di dichiarazioni false che mi sono state attribuite da soggetti che non conosco e nei cui confronti riservo ogni azione di danno”.

Ultima smentita in ordine di tempo, ma non di importanza, è quella di Diego Tavano, agente del giocatore: ”Il ragazzo non ha mai parlato con questo sito e dunque smentisco categoricamente la notizia. Stiamo valutando l’ipotesi di rispondere ufficialmente a queste illazioni”.
Il giallo Minala, dunque, resta. Ai posteri l’ardua sentenza.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento