Vuoi la tua pubblicità qui?
10 Aprile 2021

Pubblicato il

Novità sull’omicidio del piccolo Gabriel a Cassino

di Redazione

La terribile storia accaduta ad aprile scorso aveva visto subito coinvolta la madre del piccolo

Il piccolo Gabriel aveva solo 28 mesi quando è stato strangolato perché piangeva troppo.

Il terribile delitto, successo il 28 aprile scorso a Cassino, si è concluso con la colpevolezza definitiva di entrambi i genitori. Il padre del bambino viveva ormai con un'altra donna ma aveva incontrato Donatella Di Bona (28 anni), con cui continuava ad avere una relazione. Lui, Nicola Feroleto (48 anni), avrebbe visto la donna soffocare il bimbo senza fare nulla, perché li infastidiva durante un loro incontro sessuale, e poi sarebbe fuggito.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Giudizio immediato per gli assassini

Subito dopo la morte del figlio la donna aveva dichiarato che fosse stato investito, ma già nei primi interrogatori aveva ammesso di essere stata lei. Ancora non era del tutto chiaro il ruolo del suo amante e padre del piccolo, che ora sembra pienamente responsabile insieme a lei, pur non avendo fisicamente agito sul bambino. In seguito, chiedendo spontaneamente di essere interrogata ha detto di aver compiuto il delitto con l'uomo e non da sola.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il sostituto procuratore di Cassino ha ottenuto il giudizio immediato per i due assassini. Secondo la polizia scientifica il bimbo è stato strangolato in dieci minuti per asfissia meccanica e sempre secondo la scientifica, è bastata una mano per togliere per sempre il respiro al piccolissimo Gabriel.

L'ennesima storia di degrado psicologico e morale che si consuma sulla vita di un bimbo così piccolo.

Leggi anche:

Omicidio Luca Sacchi, ritrovati lo zaino e i documenti di Anastasia

Ognissanti: 6,7 milioni di italiani in viaggio

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento