Vuoi la tua pubblicità qui?
27 Gennaio 2023

Pubblicato il

Omicidio Willy: ai 4 imputati nuovo avviso di garanzia per lesioni sull’amico Samuele

di Redazione
La Procura ha aperto un fascicolo autonomo su queste accuse e inviato un avviso di garanzia a tutti e 4 gli imputati
Murale dedicato a Willy Monteiro Duarte a Colleferro

Nuovi presunti gravissimi reati per i fratelli Marco e Gabriele Bianchi, Mario Pincarelli e Francesco Belleggia, già accusati dell’omicidio di Willy Monteiro Duarte, il 21enne ucciso nella notte tra il 5 e il 6 settembre 2020 a Colleferro.

La Procura di Velletri ha infatti chiuso le indagini preliminari sull’aggressione a Samuele Cenciarelli, amico di Willy Monteiro Duarte. La notte dell’omicidio di Willy, Samuele avrebbe provato a difendere l’amico, ma, secondo quanto riporta la Repubblica sarebbe stato violentemente picchiato anche lui.

Sull’aggressione subita da Cenciarelli, la procura ha aperto un fascicolo autonomo e l’avviso di garanzia è stato recapitato a tutti e quattro gli imputati.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La testimonianza dell’amico di Willy Monteiro

Cenciarelli raccontò delle botte, dei calci e pugni ai carabinieri, già subito dopo la morte di Willy.

Ed è questa la versione che avrebbe poi confermato durante il processo per l’omicidio dell’amico: “Siamo andati a Colleferro per trascorre una serata insieme a Willy e altri amici, siamo arrivati interno all’una e 30. Mentre stavamo andando via, Willy si è avvicinato a Federico Zurma, un suo amico mentre discuteva con due ragazzi. Ho detto a Willy che era meglio andarsene, di non immischiarci in cose che non erano nostre. Mentre stavamo andando verso la macchina qualcuno ha sferrato un calcio con la pianta del piede a Willy e un calcio a me. Sul posto erano arrivate altre due persone, i fratelli Bianchi.

Non sono in grado di dire chi ci ha preso a calci. Mi sono buttato su Willy, per difenderlo ma sono stato colpito con un calcio all’altezza della gola. Poi, mentre ero a terra, ho visto sferrare calci e pugni a Willy. A picchiarlo sono stati tutti e quattro. Ogni volta che provava a rialzarsi lo gettavano a terra. Ho cercato di spiegare che noi con quella storia non c’entravamo nulla ma uno dei fratelli Bianchi mi ha dato un pugno in faccia. L’aggressione è durata 30 secondi. Mi ricordo che lo calpestavano con una ferocia inaudita. Mi ricordo che Belleggia aveva un braccio ingessato, Pincarelli aveva una camicia bianca e svariati tatuaggi, uno dei fratelli Bianchi aveva una polo verde e altro un tatuaggio sul collo. Quello che mi ha picchiato è quello un po’ più basso”.

Ed è fissata in data 28 marzo a Roma l’udienza di appello davanti ai giudici della I Corte di Assise di Appello di Roma, il processo di secondo grado per l’omicidio di Willy Monteiro Duarte.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo