Vuoi la tua pubblicità qui?
17 Maggio 2021

Pubblicato il

Ottanta scuole del Lazio senza presidi

di Redazione

Tra legge Fornero e quota 100, le scuole della nostra regione rischiano il caos. Intanto gli incarichi verranno assegnati a dei reggenti

Anche i presidi scelgono la pensione e  le scuole rischiano di rimanerne senza. A settembre, in seguito alla legge Fornero e quota 100, ci potrebbero essere ottanta presidi in meno in tutto il Lazio. Stiamo parlando di strutture come il Visconti o il Manara e Benedetto da Norcia. A rischio anche Cavour, Labriola e Keplero il liceo artistico Caravillani e l’istituto comprensivo Fratelli Bandiera. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

"I più penalizzati – ha dichiarato Mario Rusconi, presidente dei presidi del Lazio (Anp) sul Corriere.it – saranno gli alunni e le famiglie, perché l’attenzione del preside si disperderà in mille rivoli. A volte può capitare che qualcuno a capo di un istituto nel centro di Roma abbia una reggenza a Frascati o in un Comune ancora più lontano. E poi avrà a che fare con più assessori alla Scuola, diversi vicepresidi, altri consigli d’istituto e il doppio o triplo degli insegnanti. Per 500-600 euro in più con cui non si ripagano nemmeno la benzina".

Vuoi la tua pubblicità qui?

 

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento