Vuoi la tua pubblicità qui?
08 Dicembre 2022

Pubblicato il

L'autista attenta

Roma. Branco di bulli aggredisce ragazzo su un bus Atac, l’autista Simona interviene e lo salva

di Redazione
L'autista fa entrare il giovane nella sua cabina e avvisa la famiglia, poi incontra la mamma al capolinea
conducente donna Atac
Conducente dell'Azienda capitolina del Trasporto pubblico

Quante volte assistiamo a episodi odiosi in cui prevale la sopraffazione di un gruppo verso un singolo individuo o a situazioni in cui si manifestano comportamenti a carattere persecutorio o vessatorio, e quante volte assistiamo all’indifferenza degli spettatori? Molte volte, è triste affermarlo ma è la realtà. Grazie al Cielo vi sono delle eccezioni, delle isole di speranza nel mare del disinteresse generale.

E’ il caso di Simona, autista dell’Atac, mamma di una bambina e figlia di una insegnante di sostegno. Simona salva un ragazzo dalle angherie dei bulli fermando il bus e attivandosi per rintracciare la famiglia della giovane vittima.

“Il mestiere della madre ha influito sicuramente, nello stimolare in lei una certa sensibilità nei confronti dei più deboli. Per questo quando, qualche mattina fa, alla guida di un nostro bus, ha notato in fermata un gruppo di adolescenti inveire nei confronti di un loro coetaneo, ha attivato subito la massima attenzione”, fa sapere l’azienda capitolina dei trasporti.

Le vessazioni nei confronti della vittima individuata dal branco, proseguono e aumentano di livello e crudeltà anche quando salgono a bordo – ricostruisce l’Atac – Simona sente le pesanti offese verbali e vede dal retrovisore gli spintoni ai danni del giovane. Spera dapprima nell’intervento di qualche passeggero adulto, ma poi si rende conto che è il momento di agire per porre fine alle angherie. 

Arresta il bus ad una fermata successiva e, con la scusa di controllare la porta posteriore del mezzo, lascia il posto guida per avvicinarsi ai ragazzi. Si rivolge con dolcezza al giovane spaurito per invitarlo a seguirla. Se lo porta con sé all’interno della cabina guida. Il branco ammutolisce, consapevole, forse, di avere esagerato”.

L’autista quindi chiede al ragazzo di telefonare ai suoi familiari per essere sicura che non subisca di nuovo quando lo lascerà al capolinea. “La mamma del giovane si fa trovare all’appuntamento. Scossa da quanto accaduto, va via con il figlio, scambiando poche parole con la nostra giovane autista. Poi, nel pomeriggio, ci contatta sulla nostra pagina Facebook. Vuole ringraziare quell’autista dell’Atac che ha salvato suo figlio da bulli”, rivendica con orgoglio l’azienda capitolina. (Agenzia Dire)

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo