06 Marzo 2021

Pubblicato il

Roma, palpeggia una donna sul bus 64 ma è della Polizia e lo ammanetta

di Redazione

39enne italiano di origine congolese, si è avvicinato e ha iniziato a palpeggiarla nelle parti intime con insistenza

E’ accaduto ieri nel pomeriggio a bordo dell’autobus linea 64. M.F.J, un 39enne italiano di origine congolese, si è avvicinato ad una donna ed ha iniziato a palpeggiarla nelle parti intime con morbosa insistenza, appoggiandosi a lei.

L’uomo in questione, certo non immaginava di aver scelto come vittima un’assistente capo della Polizia di Stato in servizio alla squadra mobile – sezione reati contro le violenze sessuali.

La poliziotta, che stava rincasando al termine del turno di lavoro, con decisione si è prima qualificata e poi ha intimato più volte all’uomo di fermarsi. Nonostante ciò, questo ha continuato a toccarla tentando anche di baciarla.

Vuoi la tua pubblicità qui?

A quel punto, la donna ha reagito e, dopo averlo immobilizzato con fermezza, lo ha arrestato ed è scesa con lui alla fermata della stazione Termini.

Nonostante l’uomo cercasse di divincolarsi, l’agente ha chiamato il NUE 112 per avere l’ ausilio di una pattuglia delle volanti che è subito intervenuta sul posto.

In quel momento una cittadina polacca, si è avvicinata timidamente alla poliziotta e, probabilmente incoraggiata dalla scena a cui aveva appena assistito sul 64, ha trovato il coraggio di denunciare di aver subito, qualche minuto prima, gli stessi terribili abusi da parte dell’uomo. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Al termine degli accertamenti, M.F.J è stato arrestato per violenza sessuale.

E dimostrazioni di coraggio sempre più frequenti si registrano grazie anche al Progetto “….Questo non è amore” e la presenza del “Camper Rosa” in varie province d’Italia dove, sempre più donne denunciano episodi di violenza sia fisica che psicologica.

Efficaci i momenti d’ incontro per rompere l’isolamento e il dolore delle vittime di violenza di genere e per offrire il supporto di un’equipe di operatori specializzati: oltre a personale di Polizia anche medici, psicologi e rappresentanti dei centri antiviolenza.

E anche oggi, il “Camper Rosa” sarà presente in via Ambrosini 19 presso il Ce.I.S., Centro Italiano di Solidarietà Don Picchi, dove è previsto un seminario gratuito di difesa personale legale contro le violenze fisiche e psicologiche.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento