Vuoi la tua pubblicità qui?
05 Maggio 2021

Pubblicato il

Settore Matrimoni ed Eventi Privati, la protesta in abito da sposa a Montecitorio: “Ci state uccidendo”

di Giulia Bertotto

Tra veli da sposa e abiti da cerimonia gli striscioni con le scritte "ci state uccidendo" e "vogliamo le stesse regole dei ristoranti".

La protesta a piazza Montecitorio (foto di Camilla Marinelli)

Si riuniscono questa mattina 26 aprile alle ore 12:00 a Roma, i professionisti del settore Matrimoni ed Eventi Privati. Sarti, truccatori, parrucchieri, fotografi, un’intera filiera di professionisti che da più di un anno non può lavorare e non sa come andare avanti, totalmente allo sbando e senza alcuna possibilità di progettare il proprio futuro. Un settore di cui non si parla spesso ma che denuncia gravi perdite come i ristoratori e i cinema. La protesta è in corso a piazza Montecitorio a Roma. La manifestazione è organizzata da UNANIME, confederazione delle associazioni di categoria del settore matrimoni ed eventi in collaborazione con la Filiera Eventi Unita e Insieme per il Wedding.

Vuoi la tua pubblicità qui?

In particolare, lamentano i professionisti, manca l’indicazione della data per la ripartenza, ma non solo. I manifestanti chiedono ripartenze immediate per matrimoni ed eventi privati, ampliamento del fondo di sostegno delle imprese istituito dal decreto sostegno, più un’accelerazione urgente dell’erogazione dei Ristori. Tra veli da sposa e abiti da cerimonia si agitano gli striscioni con le scritte “ci state uccidendo” e “vogliamo le stesse regole dei ristoranti”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

In piazza non solo professionisti, ma anche semplici coppie che hanno organizzato il loro matrimonio perché le norme lo prevedevano, e quando tutto era ormai pronto si sono ritrovate a non poter più festeggiare la cerimonia, come accaduto alla donna vestita di rosso nella foto.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento