Vuoi la tua pubblicità qui?
05 Luglio 2020

Pubblicato il

Tentati furti in ville isolate

Presi due slavi a Valmontone

I Carabinieri della Compagnia di Colleferro, in questi giorni, hanno pianificato una serie di attività tese a prevenire e reprimere reati predatori che destano maggiore allarme sociale. In particolare, oltre ad intensificare i servizi, con la massima proiezione dei Militari all’esterno, anche con l’impiego di unità in abiti civili, hanno da tempo cercato un contatto diretto con i cittadini affinché segnalino immediatamente veicoli e persone, soprattutto che si aggirino con fare “sospetto” nei pressi di abitazioni e ville isolate.
Proprio grazie a questo tipo di “collaborazione”, nella serata di ieri i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Colleferro, hanno bloccato un’autovettura Alfa Romeo 156 che si aggirava con andatura lenta nei pressi di alcune ville isolate ubicate nel Comune di Valmontone. Il veicolo, con a bordo due giovani “slavi”, alla vista dell’autovettura dei carabinieri ha accennato una piccola fuga, ma i Militari sono stati reattivi e li hanno immediatamente inseguiti e bloccati.

A bordo del veicolo, intestato ad un pregiudicato di origine campana e con assicurazione falsificata, venivano identificati due giovani slavi, privi di documenti che avevano la disponibilità di numerosi arnesi atti allo scasso. I due in Caserma venivano fotosegnalati e i riscontri dattiloscopici, evidenziavano altre numerose generalità con le quali erano stati più volte arrestati e denunciati per reati contro il patrimonio. Il più giovane, 19enne – senza fissa dimora, risultava essere colpito da un Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere emessa dal Tribunale di Firenze per furti in villa, pertanto dopo le formalità di rito i Carabinieri lo hanno associato presso la Casa Circondariale di Velletri a disposizione di quell’Autorità Giudiziaria.
Entrambi sono stati anche deferiti all’Autorità Giudiziaria veliterna per falsità in scrittura privata, guida senza patente e possesso di arnesi atti allo scasso.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi