Vuoi la tua pubblicità qui?
29 Novembre 2020

Pubblicato il

Totti scende in campo anche per i bambini

di Redazione

Ieri l'inaugurazione del nuovo reparto di Neuropsichiatria al Gemelli di Roma

Padrino e madrina d’onore per l’inaugurazione della nuova Unità assistenziale di Neuropsichiatria infantile del Gemelli di Roma: Francesco Totti e Ilary Blasi ieri hanno tagliato il nastro del nuovo reparto, dove i bambini potranno essere curati e sottoposti ad attività di riabilitazione.

"Spero di aver portato un sorriso e un po’ di gioia – ha dichiarato il capitano della Roma – Sono felice quando posso portare felicità ai bambini. Mi fa piacere presenziare a queste manifestazioni anche solo per donare un sorriso".

Vuoi la tua pubblicità qui?

La creazione di questa nuova struttura risponde alle iniziative promosse dal Policlinico Gemelli che si conformano alla ‘Carta dei Diritti delle Persone con disabilità in Ospedale’.

Si tratta di un nuovo spazio dedicato ai piccoli pazienti e decorato con arredi colorati e allegri che rappresentano degli arcobaleni; 1.500 metri quadrati dotati di tecnologie domotiche, 10 stanze singole per i bambini, palestre, sale comuni, collegamento wi-fi gratuito, day hospital.
La struttura, che si trova al terzo piano del Policlino Gemelli, è situata all’interno dell’Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile del prof. Eugenio Mercuri, che era presente all’inaugurazione.

"Il reparto – ha spiegato Mercuri – può ospitare dieci degenti. È dedicato a bambini di tutte le età con patologie prevalentemente neurologiche, con disabilità motorie, malattie neuromuscolari o con deficit visivi. Abbiamo realizzato questo progetto grazie al confronto tra gli operatori sanitari e le famiglie dei bambini, che hanno indicato le idee migliori affinché i piccoli pazienti non percepiscano più l’ospedale come una minaccia".

Vuoi la tua pubblicità qui?

All’interno della nuova divisione sarà presente anche un ‘clinical trial centre’, uno spazio dedicato allo studio clinico delle malattie neurologiche e neuromuscolari pediatriche, come ha spiegato il direttore e neuropsichiatra Eugenio Mercuri.

La realizzazione di questo progetto è stata resa possibile dal contributo di Enel Cuore Onlus e dalla collaborazione dell’Associazione Famiglie Sma (Genitori per la ricerca sull’Atrofia Muscolare Spinale), che di concerto con l’Università Cattolica e la Direzione del Policlinico hanno dato vita, per la prima volta in Italia, ad un’esperienza come questa.

"Il reparto – ha continuato Mercuri – sfrutta una nuova concezione di architettura sanitaria pensata per la disabilità e per i bambini. Le stanze, infatti, sono colorate, allegre, con accessori che rendono l'ambiente ospedaliero più accogliente e meno minaccioso per i piccoli degenti. E poi, accanto alle innovazioni più prettamente estetiche, il reparto è stato profondamente modificato da un punto di vista strutturale in modo da renderlo più accessibile ai bambini con disabilità, grazie a innovazioni come la domotizzazione di alcune stanze che dispongono di apertura telecomandata di avvolgibili e luci, e che consentono ai bimbi disabili di potersi trasferire tramite un sollevatore a soffitto dal letto alla carrozzina o addirittura in bagno".

"Totti e Ilary – ha concluso il direttore del reparto – sono sempre molto contenti di partecipare a queste iniziative. Noi abbiamo tanti piccoli pazienti che vanno a Trigoria a vederlo e quando tornano sono sempre felicissimi. Il capitano della Roma si è informato su come fosse organizzato il reparto, ha prestato attenzione ai dettagli delle porte delle stanze dei pazienti che hanno nuovi dispositivi di riconoscimento espressi anche in Braille. Insomma, Totti ha una marcia in più".

Vuoi la tua pubblicità qui?

All’inaugurazione di ieri, oltre al numero 10 della Roma e al direttore del reparto di Neuropsichiatria infantile, Eugenio Mercuri, erano presenti anche il consigliere di Enel Cuore Onlus, Paolo Iammatteo, e il rettore dell’Università Cattolica Franco Anelli.

Paolo Iammatteo ha ricordato che l’attività svolta dalla Onlus Enel Cuore in questi 10 anni, ha già contribuito a realizzare, sia in Italia sia all’estero, "540 progetti con un impegno economico di 54 milioni di euro".

La cerimonia di ieri si è conclusa con la consegna a Francesco Totti di una targa di ringraziamento da parte del Policlinico, per simboleggiare la sua vicinanza ai bambini affetti da patologie neurologiche.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento