20 Ottobre 2021

Pubblicato il

Ubriaco scorda auto vicino ambasciata USA, scatta falso allarme

di Redazione
Ubriaco, dopo una serata nei locali della "Dolce Vita" denuncia il furto dell'auto. La ritrovano ma scatta il piano antiterrorismo

È un turista straniero l’uomo che ieri mattina è stato denunciato dalla Polizia di Stato per procurato allarme. L’uomo era uscito la sera precedente, in compagnia di un collega, per le strade della “dolce vita” dove era arrivato con un’auto a noleggio, che aveva parcheggiato in via Boncompagni.

Dopo alcune ore di bagordi, all’uscita da un noto locale notturno, l’uomo, convinto di aver parcheggiato in via Veneto, non ha ritrovato l’auto, così si è visto costretto a tornare in albergo in taxi. La mattina seguente il turista sbadato ha contattato dapprima i vigili urbani per assicurarsi che la sua auto non fosse stata rimossa, dopodiché ne ha denunciato il furto alle forze dell’ordine.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La sala Operativa della Questura, come di consueto, ha diramato la nota di ricerca del veicolo alle volanti sul territorio. Poco dopo una pattuglia del Reparto Prevenzione Crimine Lazio ha individuato l’auto in via Boncompagni, parcheggiata in malo modo sulla corsia riservata agli autobus, perfettamente chiusa e con l’allarme inserito.

Vuoi la tua pubblicità qui?

A quel punto, vista la vicinanza all’Ambasciata Americana, nonché il modo in cui l’auto era stata trovata, è scattato il piano antiterrorismo: l’area è stata interdetta al traffico e ai pedoni, poi sul posto sono arrivati artificieri e cinofili antisabotaggio. Proprio durante le operazioni di messa in sicurezza della zona il proprietario, avvisato nel frattempo del ritrovamento, ha avuto un lampo di lucidità e si è ricordato di essere stato lui a parcheggiare l’auto proprio lì, ma poi, uscito dal locale poco lucido, era convinto di averla lasciata in un altro posto. L’uomo è stato così denunciato a piede libero per procurato allarme e multato per aver parcheggiato nell’area riservata alla fermata degli autobus.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo