Vuoi la tua pubblicità qui?
07 Dicembre 2021

Pubblicato il

1° Festival dei Conservatori Italiani

di Redazione
Oggi pomeriggio il sindaco Ottaviani presenterà l'evento ai media

Continua il cammino culturale intrapreso dall'amministrazione Ottaviani, questa volta con un'iniziativa capolavoro, il Festival Internazionale dei Conservatori italiani.
Il sindaco, con l'assessore Fabrizi, il presidente e il vicepresidente del conservatorio Licinio Refice di Frosinone questo pomeriggio presso la sala stampo della Villa Comunale di Frosinone hanno tenuto una conferenza stampa per spiegare nei minimi dettagli il progetto.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il Festival che avrà inizio il 4 luglio, come detto è il primo del genere in Italia e, vista la larga partecipazione dei conservatori, ben 30, tra i quali spiccano Torino, Napoli, Bologna, Aosta, Rovigo, Palermo, Roma e molti altri, potrà, anzi diventerà assolutamente un'appuntamento fisso per la nostra città.
Il direttore del conservatorio Antonio D'Antò, accompagnato dal suo vice Raffaele Ramunto ha voluto ringraziare il sindaco e l'assessore Fabrizi per l'ideazione di questa manifestazione che, visto il grande numero di presenze che regalerà alla città potrà essere un'ottima propaganda per la musica, da qualche tempo accantonata ma, soprattutto, regalerà ai commercianti del centro storico e agli albergatori della città una boccata di ossigeno, visto che si prevedono circa 10 mila presenze di turisti durante la manifestazione.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Va sottolineato che per il conservatorio vincitore è previsto un premio in denaro messo a disposizione dell'amministrazione cittadina.
Se questi sono i presupposti, forse finalmente la città di Frosinone ha ha trovato la giusta linea politica, quella che pensa alla cultura e al sociale….ma soprattutto. non pensa al proprio portafoglio.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?