Vuoi la tua pubblicità qui?
25 Settembre 2021

Pubblicato il

Roma, Caffè della Pace sotto sfratto

di Redazione
Il Caffè della Pace e l'Antica Camiceria Bazzocchi rischiano di chiudere dopo più di un secolo

CAFFE’ DELLA PACE – Rischia di andarsene un pezzo di una Roma antica, una Roma romantica, una Roma che ha fatto storia, e continua a farla ogni giorno.
Il Caffè della Pace, a due passi da piazza Navona, è sotto sfratto, nonostante i circa 20 mila euro d’affitto pagati regolarmente. Al suo posto, si dice, potrebbe nascere un Relais.
A rischio, ci sono anche la Libreria Croce, la stamperia Trevi e l’antica camiceria Bazzocchi, in via del Tritone.

Daniela Serafini, madre di Alessandro e Daniela, che ora gestiscono il Caffè della Pace, si è dichiarata sorpresa, delusa e costernata dopo aver ricevuto la notizia dello sfratto.
Due anni fa, infatti, è scaduto il contratto di locazione. L’amministratore dell’Istituto, allora, ha comunicato loro che l’affitto si era trasformato in un’indennità di occupazione, ma il rinnovo del contratto non è mai arrivato. In compenso, lo scorso 10 giugno, è arrivato l’avviso di sfratto. Oggi, dopo che la questione è passata nelle mani dei legali, l’appuntamento è in Tribunale.

“Non potevamo pensare che arrivassero a tanto”, ha commentato Daniela Serafini, riferendosi all’Istituto Teutonico di Santa Maria dell’Anima, che ha la proprietà del palazzo storico che dal 1891 ospita il famoso Caffè.
Dove in tanti son passati, i romani più affezionati, Madonna, Spike Lee, Mel Gibson, Monica Bellucci. Ma anche Giuseppe Ungaretti e Mario Monicelli.

Vuoi la tua pubblicità qui?

“Con noi – hanno continuato i Serafini – buttano in mezzo alla strada più di 25 famiglie. Ci appelliamo al Sindaco Ignazio Marino, ma anche al Papa, dato che è un Istituto religioso a darci lo sfratto”.

Dopo l’appoggio già dimostrato dall’ex Sindaco di Roma, Gianni Alemanno, al momento Marta Leonori, assessore al Campidoglio per Roma Produttiva, si è mostrata solidale nei confronti della famiglia Serafini.
“Vogliamo salvaguardare il patrimonio culturale e imprenditoriale della Città – ha dichiarato Leonori – e stabilire le giuste misure per tutelarlo.

Vuoi la tua pubblicità qui?

ANTICA CAMICERIA BAZZOCCHI – Ma la preoccupazione ha raggiunto anche Olimpia Bazzocchi, l’attuale titolare della storica camiceria ereditata dal nonno, in attività dal 1908.
Tra gli altri, l’antica camiceria è famosa per aver rifornito di papillon Gino Bramieri e Renato Carosone.

“La scorsa giunta comunale – ha dichiarato Olimpia Bazzocchi – era riuscita a frenare la procedura di sfratto grazie all’allora assessore Dino Gasperini. La procedura, però, è diventata esecutiva dal 30 giugno”.
“Ci siamo messi in contatto con l’assessore Leonori, che si è detta disponibile a prendere in mano la questione sin da subito”.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo