Vuoi la tua pubblicità qui?
18 Settembre 2021

Pubblicato il

Castelli Romani, 6 arresti per droga: anche i fratelli Bianchi, indagati per omicidio Willy

di Redazione
Sei persone sono ritenute responsabili, a vario titolo, di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti e tentata estorsione

Ci sono anche i fratelli Gabriele e Marco Bianchi tra gli arrestati di oggi, 9 dicembre, nel territorio dei Castelli Romani. I Carabinieri del Comando Provinciale di Roma stanno dando esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 6 persone. Sono ritenute responsabili, a vario titolo, di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti e tentata estorsione.

Vuoi la tua pubblicità qui?

L’ordinanza è stata emessa dal GIP presso il Tribunale di Velletri su richiesta della locale Procura della Repubblica.

Tra i destinatari del provvedimento anche i fratelli Bianchi

Tra i destinatari del provvedimento che dispone l’arresto ci sono anche i fratelli Bianchi. Attualmente già detenuti in carcere, poiché indagati per l’omicidio di Willy Duarte Monteiroavvenuto a Colleferro (RM) lo scorso 6 settembre.

Il provvedimento odierno trae origine da un’indagine condotta dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Velletri  che ha consentito di accertare l’esistenza di un sodalizio dedito allo spaccio di stupefacenti nell’area di Velletri, Lariano, Artena (RM) e Comuni limitrofi. Il lavoro degli agenti ha consentito di acquisire elementi probatori in ordine ai ruoli ricoperti dai medesimi soggetti nell’esecuzione dell’attività illecita.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Infine ricostruire il modus operandi del gruppo, appurando, altresì, che gli indagati ricorrevano abitualmente ad azioni violente e minacce per intimorire gli assuntori insolventi e obbligarli a pagare i compensi pattuiti per l’acquisto dello stupefacente.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo