Vuoi la tua pubblicità qui?
29 Novembre 2020

Pubblicato il

Devastazione

Colleferro, Parco del Castello vandalizzato: la denuncia del sindaco Sanna

di Redazione

Parco del Castello vandalizzato: decine di alberi tranciati, vialetti spazzati via, accessi devastati. Sabato 18 avrebbe dovuto esserci uno spettacolo

Parco del Castello vandalizzato
Parco del Castello vandalizzato

Qualcuno ha vandalizzato il parco del Castello a Colleferro. A denunciarlo sulla sua pagina Facebook il sindaco del Comune in provincia di Roma, Pierluigi Sanna.
“Questa mattina presto il Parco del Castello è stato devastato“. Le parole del sindaco in un primo post pubblicato intorno alle 8:00. “I ‘fuscelli’ come qualcuno li aveva definiti sarcasticamente ieri non esistono più”. Ha aggiunto in un secondo post accompagnato da fotografie delle condizioni in cui ora versa la neonata villa comunale.

Decine di alberi sono stati tranciati, i vialetti non esistono più. Degli individui hanno gettato all’aria l’arena dove ci sarebbe dovuto essere lo spettacolo sabato. Hanno devastato gli accessi e il perimetro fresato con danneggiati anche di tipo archeologico. Io mi sto recando presso la caserma dei carabinieri per sporgere denuncia e cercare giustizia. Una comunità intera non può cedere ad una violenza tale”.


Sull’area – scampata ad un progetto di edificazione dell’ex soggetto proprietario, il Gruppo Furlan, e recentemente resa pubblica con un atto di esproprio da parte del Comune. Nelle ultime settimane l’amministrazione aveva avviato le attività di piantumazione alberi e pulizia del sito archeologico, in vista di una complessiva riqualificazione.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il Castello Vecchio sorge sulla sommità dell’omonimo colle circondato da un’antica cinta muraria in buona parte crollata. Non si conosce la data precisa a cui risale la fortezza in quanto abbattuta e ricostruita numerose volte. Questo aumenta il suo fascino, speriamo che non venga perduto.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento