Vuoi la tua pubblicità qui?
06 Dicembre 2022

Pubblicato il

Covid-19: rischio infarto, ictus o trombi nei primi 30 giorni

di Cristina Accardi
Secondo uno studio britannico il Covid aumenta i fattori di rischio di eventi cardiovascolari come trombi, infarti o ictus
Covid-19
Covid-19

Uno studio della britannica UK Biobank, pubblicato su Heart, ha avuto dei dati significativi sulle possibili conseguenze dovute al Covid-19.

Dal report, infatti, emerge che su un campione di circa 54mila individui, di cui circa 18 mila avevano contratto il virus tra marzo 2020 e 2021, 2mila 700 sono stati ricoverati a causa dell’infezione, mentre 860 per altre cause. Il resto dei pazienti, invece, non ha avuto bisogno di assistenza ospedaliera.

Pazienti Covid-19: maggiori rischi di morte e trombosi

Attraverso un confronto tra i pazienti è risultato che chi aveva contratto il virus, oltre a essere stati ricoverati in ospedale, avevano un rischio quasi 3 volte maggiore di trombosi venosa e 10 volte maggiore di possibilità di morire anche per altre cause.

Nei pazienti che avevano contratto il Covid i livelli di rischio risultano essere maggiori su vari fronti. Infatti, secondo i dati, queste persone hanno una probabilità 27 volte maggiore di sviluppare un trombo venoso; 21,5 maggiore di insufficienza cardiaca e 17,5 di ictus.

Inoltre, in questi pazienti aumenta anche il rischio di diagnosi di fibrillazione atriale che è 15 volte superiore, di pericardite 14 volte e quello di infarto quasi 10 volte superiore.

Secondo lo studio, la maggior parte delle malattie cardiovascolari o di altre malattie si sono riscontrate entro i primi 30 giorni dall’infezione e dai ricoveri ospedalieri.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo