Vuoi la tua pubblicità qui?
27 Novembre 2022

Pubblicato il

Contagi e decessi

Covid, Roma. Casa Riposo Giovanni XXIII, rinviati a giudizio 4 responsabili per omicidio colposo

di Redazione
L'inchiesta riguarda 5 decessi avvenuti nella struttura sanitaria nel 2020, in piena pandemia Covid
Casa di Riposo Giovanni XXIII, Roma
Casa di Riposo Giovanni XXIII, Roma

Nella struttura morirono 3 pazienti e un’operatrice sanitaria. A processo i responsabili della struttura per “negligenza, imprudenza e imperizia”.

Quattro rinvii a giudizio per i contagi e decessi da Covid fra pazienti della casa di riposo Giovanni XXIII avvenuti nel 2020. Il gup di Roma ha mandato a processo, come chiesto dalla pm Gianfederica Dito, 4 responsabili della struttura con l’accusa di omicidio colposo, perché, secondo quanto riportato nel capo di imputazione “con le rispettive condotte omissive, per colpa consistita in negligenza, imprudenza ed imperizia, nonché nella violazione della normativa per la prevenzione degli infortuni sul lavoro, nonché della normativa legislativa, governativa e regionale, emanata per contrastare il contagio del virus Covid – 19” non impedivano la diffusione del virus all’interno della struttura, dove nel mese di marzo 2020 erano presenti 53 ospiti, di cui risultavano positivi 51, tra i quali si verificavano 16 decessi “mentre dei 38 lavoratori in servizio presso la struttura, contraevano il virus 15 persone tra cui si verificava un decesso”. L’inchiesta riguarda cinque di questi decessi. (Adnkronos)

Anziana ospite in una Casa di Riposo

Regione Lazio parte Civile nel processo Casa di Riposo Giovanni XXIII

“La Regione si costituirà parte civile nel processo che si aprirà per i contagi e i decessi avvenuti nella Casa di Riposo Giovanni XXIII di Roma. All’epoca dei fatti la Asl Roma 2 dovette sopperire alle evidenti carenze da parte della struttura e la stessa Asl segnalò alla Procura notizie di reato. Se ci sono state responsabilità dovranno essere accertate e chi non ha rispettato le indicazioni di sicurezza dovrà essere sanzionato”.

Lo dichiara l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?