Vuoi la tua pubblicità qui?
07 Luglio 2020

Pubblicato il

Domenica in scena un classico del teatro italiano

di Redazione

"Come tu mi vuoi" di Pirandello al teatro Vittorio Veneto di Colleferro

Appuntamento con un vero classico del teatro quello di domenica prossima 27 gennaio per la stagione teatrale comunale. Alle ore 18, presso il teatro Vittorio Veneto, andrà in scena la commedia “Come tu mi vuoi” di Luigi Pirandello, con Lucrezia Lante della Rovere.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Ispirato a una celebre vicenda giudiziaria (il famoso caso del Prof. Canella e del tipografo Bruneri dei primi del ‘900 che infiammò le cronache dell’epoca sulla vera identità della persona) la commedia narra le vicende di un personaggio enigmatico: l’Ignota, una ballerina nella Berlino del dopoguerra, femme fatale contesa tra l’amante Carl Salter col quale vive e l’italiano Bruno Pieri che ritrova in essa Lucia, la moglie scomparsa da tempo. L’Ignota, in balia degli eventi, si fa come gli altri la vogliono, in attesa che qualcuno le dia senso. L’unica verità che emerge è una verità soggettiva e forse, per Pirandello, anche la verità è “così, come tu mi vuoi”. Lucrezia Lante Della Rovere si cimenta con un personaggio ricco di contraddizioni e sfumature, già portato in scena da tante interpreti straordinarie, sia in teatro che sul grande schermo. Da un libero adattamento di Masolino D'Amico, prodotto da Teatro e Società, “Come tu mi vuoi” è diretto da Francesco Zecca.

La stagione teatrale del Comune di Colleferro è organizzata in collaborazione con l’A.T.C.L (Associazione teatrale fra i Comuni del Lazio) e l’Associazione culturale Ribalta. La prevendita dei biglietti si tiene presso il teatro comunale Vittorio Veneto, dal lunedì al venerdì dalle ore 17 alle 19; la vendita dalle ore 15 il giorno dello spettacolo. Il biglietto singolo costa 15 euro (platea) e 13 (galleria), quello ridotto 13 e 10 (cui si aggiunge 1 euro per la prevendita). Per informazioni: 06/97203204-245 – Teatro: 06/9781015; 339.3404440.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi