20 Ottobre 2021

Pubblicato il

Mozioni

Forza Nuova vicina allo scioglimento con la mozione del PD

di Cristina Accardi
Il deputato del Partito Democratico Emanuele Fiano invita a prendere una posizione forte contro gli squadristi che hanno turbato la Capitale
Emanuele Fiano
Emanuele Fiano

Dopo l’assalto alla sede della Cgil a Roma avvenuto nella giornata di sabato 9 ottobre ai palazzi della Cgil, durante la manifestazione dei No Green Pass, il deputato del Partito Democratico Emanuele Fiano invita a prendere una posizione forte contro gli squadristi che hanno turbato la Capitale. Un attacco che secondo molti leader politici non può rimanere impunito. Infatti, il deputato Fiano ha dichiarato – durante il presidio di solidarietà a favore della Cgil avvenuto davanti la Camera del lavoro a Milano – che il PD oggi presenterà “una mozione urgente alla Camera per chiedere lo scioglimento di Forza Nuova e degli altri movimenti dichiaratamente fascisti per decreto, ai sensi della Legge Scelba“. Ormai da anni “Forza Nuova è un movimento dichiaratamente fascista, in questi anni sempre alla guida dei peggiori risvolti violenti delle manifestazioni di piazza, i cui dirigenti pluripregiudicati si fanno beffe dello Stato e della Legge”.

A prendere una posizione netta sono anche il leader del Movimento 5 stelle Giuseppe Conte, davanti al palazzo della Cgil a Roma, dichiara di non accettare “che nel nostro paese ci siano aggressioni di questo tipo, quindi, su Forza Nuova è una valutazione che affidiamo alla magistratura, ma anche io ritengo che ci siano le condizioni per lo scioglimento” e la leader di Forza Italia Giorgia Meloni, dopo una richiesta a prendere una posizione durante il congresso di Vox, dichiara che “È sicuramente violenza e squadrismo poi la matrice non la conosco. Nel senso che non so quale fosse la matrice di questa manifestazione ieri, sarà fascista, non sarà fascista non è questo il punto. Il punto è che è violenza, è squadrismo e questa roba dobbiamo combatterla sempre”.

Presidio davanti le Camere del lavoro di tutta la nazione per appoggiare i sindacati

Nella giornata di ieri, domenica 10 ottobre, si sono riuniti numerosi cittadini e leader politici davanti a tutte le Camere del lavoro della nazione, in risposta all’attacco subito. A Roma, di fronte la sede nazionale della Cgil, ha preso la parola Maurizio Landini, segretario generale della Confederazione. Landini ha affermato che le rivolte non solo sono state un attacco a tutti i lavoratori e ai loro diritti, ma anche un attacco alla democrazia e alla nostra costituzione. Inoltre, il segretario ha dichiarato di non aver paura dinanzi a queste minacce e che la Cgil, come gli altri sindacati, “sono quelli che hanno sconfitto il fascismo in questo Paese, hanno riconquistato la democrazia: non ci intimidiscono, non ci fanno paura” e per questo non rimarranno in silenzio.

Durante la manifestazione ad unisono Landini, Sbarra e Bombardieri – i tre leader sindacali della Cgil, Cisl e Uil – chiedono che “le organizzazioni neofasciste e neonaziste siano messe nelle condizioni di non nuocere sciogliendole per legge”. Per questo motivo, i tre leader annunciano che sabato 16 ottobre verrà organizzata a Roma una manifestazione nazionale e antifascista: “E’ il momento di affermare e realizzare i principi e i valori della nostra Costituzione. Invitiamo, pertanto, tutti i cittadini e le forze sane e democratiche del Paese a mobilitarsi e a scendere in piazza sabato prossimo”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo