Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
23 Gennaio 2022

Pubblicato il

Trasporti

Metro Roma, a stazione Repubblica riaprono due scale mobili ferme dal 2018

di Redazione
Il 23 ottobre del 2018 si verificò un incidente sull'impianto che trasportava tifosi russi allo stadio Olimpico. Ci furono molti feriti, anche gravi
scale mobili della metro di roma
Scale mobili della metro di Roma

“Terminati i lavori e i collaudi di Ustif, oggi sono state riaperte le due scale mobili della stazione metro Repubblica che erano ferme dal 23 ottobre del 2018, quando uno dei due impianti che in quel momento trasportava i tifosi russi diretti verso lo stadio Olimpico per assistere alla partita Roma-Cska Mosca ha iniziato ad aumentare la sua velocità, facendo precipitare un gran numero di persone e provocando molti feriti, alcuni dei quali anche gravi”. Lo annuncia in un comunicato l’Assessore alla Mobilità di Roma, Eugenio Patané.

“Uno dei primi problemi affrontati al nostro arrivo- spiega Patané- è stato proprio quello degli impianti di traslazione fermi che in totale erano 145. Per 40 di questi i lavori erano terminati in alcuni casi addirittura a gennaio 2020 e necessitavano soltanto del collaudo da parte di Ustif prima di essere riaperti al pubblico. Per questo motivo abbiamo istituito un tavolo di lavoro con il Ministero, che ringraziamo, per programmare i collaudi che sono stati eseguiti in tempi record.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Altri impianti aperti nelle stazioni Metro di Roma

Ora stiamo iniziando a vedere i frutti di questo lavoro: oltre alle due scale mobili di Repubblica, infatti, sono stati riaperti in pochi giorni, tra gli altri, i sette impianti di traslazione che impedivano la riapertura della stazione Policlinico, cinque scale mobili presso il nodo della stazione Termini, una presso la stazione Re di Roma, una a Valle Aurelia e una a Baldo degli Ubaldi“. (Red/ Dire) 

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo