Vuoi la tua pubblicità qui?
07 Dicembre 2022

Pubblicato il

Minacce alla figlia 14enne per il velo: “Mi frustavano braccia e gambe”

di Morena Di Giulio
La madre le diceva: "Tuo padre ti spezza le ossa"
Ragazza con velo

Ennesimo caso di violenza domestica dettata da credo religioso e tradizioni. Questa volta accade nel Viterbese, dove una ragazza di 14 anni ha denunciato i genitori che la minacciavano e la obbligavano a indossare il velo. Anche usando la violenza fisica.

“Mi frustavano su braccia e gambe e obbligavano a indossare il velo” sono le parole della ragazza, nella denuncia verso i genitori pakistani. Le vicende e la successiva denuncia risalgono al luglio 2020, quando la ragazza, esasperata dalla situazione ha chiesto aiuto ai carabinieri.

Non ce la faceva più a sopportare le regole alle quali la costringevano, così la giovane si è rivolta ai carabinieri e ha raccontato tutto. Dopo la denuncia la Procura ha avviato le indagini, la ragazza è stata trasferita in una struttura privata che si è presa cura di lei e l’ha supportata nel percorso legale intrapreso.

A processo la madre e il patrigno presso i giudici de Tribunale di Viterbo con l’accusa di maltrattamenti in famiglia.

Nel febbraio 2023 l’udienza che vedrà la testimonianza di educatori e assistenti sociali, che si sono occupati di lei.

La giovane ha spiegato ai militari che se sbagliava a recitare i versetti del Corano o si rifiutava di indossare il velo, uscendo di casa come le coetanee occidentali, veniva punita. In quel periodo la madre è arrivata anche a minacciarla, dicendole che se non si fosse comportata correttamente come volevano loro, avrebbe raccontato tutto al padre, che le avrebbe “spezzato le ossa”.

Sono trascorsi due anni dalla denuncia e oggi la ragazza è tornata a casa. Ha spiegato che il rapporto con i genitori è cambiato. Nonostante le difficoltà si è instaurato un dialogo, madre e patrigno hanno accettato le ragioni della figlia, lasciandola libera di esprimersi come le ragazze della sua età.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo