Perché i costumi di Halloween per donne sono tutti “sexy”?

“Vediamo cosa offrono…Strega e gattina sexy, tutto qui? Le uniche due scelte per le donne: strega e gattina sexy!”

Così Miranda Hobbes il personaggio di Sex And The City nel primo film della celebre serie televisiva della Hbo commentava le proposte di costumi per Halloween rivolte alle donne. C’è una grande verità dietro a quella proposta e a quella dicotomia. La dark lady, la strega, vista anche come donna inquieta, la virago, problematica talvolta, o ancora peggio iraconda, e la gattina sexy, compiacente, che non dà problemi, la geisha, la donna servizievole, svenevole, subordinata ai voleri e ai piaceri dell’uomo.

Siamo davvero suddivise in questi due stereotipi di costumi per Halloween?

Per il mercato, per il commercio di maschere della notte delle streghe pare proprio di sì. In più, la declinazione della strega sarebbe soltanto nella variante ‘sexy’, meglio se in bustino e minigonna.

C’è poi da svelare lo scenario di tutti i negozi online, statunitesi per lo più, in cui acquistare costumi sexy per Halloween, come se la festa delle streghe fosse un momento per noi donne per essere trasgressive, ma attenzione soltanto per quella notte e con i parametri individuati dal marketing di cosa sia sexy o meno: si va dalla streghetta in guepiere, una sposa cadavere in bianco integrale ma in body scollacciato, si passa per la diavolessa succinta in microabito sino alla vampira in autoreggenti e , non si sa bene come possa essere attinente al tema di Halloween, la scolaretta sexy in microgonna e toppino che lascia molto poco all’ immaginazione già vacillante dell’uomo medio.

Sembra proprio che il termine “sexy” sia irrinunciabile come attributo dei costumi di Halloween per donne: suora sexy, infermiera sexy, soldatessa sexy, girlscout sexy, sexy playmate, persino la sexy gremlins!

Chi ricorda l’ingegnoso costume di Halloween di Karate Kid I? Lui era l’attore Ralph Macchio e il suo personaggio aveva costruito una maschera singolarissima: una doccia con la tendina dentro cui stare, ma non scherziamo, si trattava pur sempre di un maschio!

Allora, la provocazione dell’Huffington Post Women ed. statunitense è provare a immaginare gli uomini nei costumi sexy proposti per le donne,  il risultato è davvero esilarante e dimostra quanto sia ridicolo lesinare sulle stoffe e i tessuti..

Articolo già apparso sull ‘Huffington Post Italia per gentile concessione dell’autrice

Articolo precedenteCarpineto, coppia di escursionisti smarrita: ritrovata dai Carabinieri
Articolo successivoReport stasera in tv su Rai 3: La ‘Ndrangheta nella Juventus
Scrittrice e giornalista. Laurea magistrale in Storia e Critica del Cinema. Consegue il Master in Giornalismo e Comunicazione Pubblica all'Università di Tor Vergata di Roma. Nel 2017 pubblica il suo primo romanzo "La Ragione era Carnale" (Armando Curcio editore). Ha scritto per "Il Fatto Quotidiano", "MicroMega", "Viaggi del Corriere della Sera", "Huffington Post", "Affaritaliani". È stata fondatrice e direttrice del sito femminile di costume "Le città delle donne". Ha un programma di libri, "Affari di libri", in cui intervista gli scrittori in onda sulla emittente radiotelevisiva "Radio Radio".