Vuoi la tua pubblicità qui?
03 Agosto 2021

Pubblicato il

Primarie centrosinistra

Primarie Roma: sfida a sette. Si elegge il candidato sindaco del centrosinistra

di Livia Maccaroni
Domenica 20 giugno dalle 8:00 alle 21:00 a fronteggiarsi 5 uomini e due donne, tra liste civiche e partitiche. Come, dove e quando si vota
Elezioni comunali Roma
Elezioni comunali Roma

È fissato per domenica 20 giugno dalle 8:00 alle 21:00 uno degli appuntamenti più attesi dagli iscritti e dai simpatizzanti del centrosinistra. Nei gazebo della Capitale sarà possibile scegliere il candidato sindaco e i candidati presidente dei rispettivi municipi che sfideranno centrodestra e M5s alle elezioni comunali del prossimo autunno.

I candidati, aspiranti sindaco

Sono sette gli aspiranti candidati sindaco che si sfideranno, 5 uomini e due donne, tra liste civiche e partitiche: Imma Battaglia, Giovanni Caudo, Paolo Ciani, Stefano Fassina, Cristina Grancio, Roberto Gualtieri, Tobia Zevi.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Imma Battaglia (61 anni)

A rappresentare “Liberare Roma“. Tra le protagoniste del movimento LGBT italiano fin dai primi anni novanta, fu organizzatrice insieme a Vladimir Luxuria del primo Gay pride ufficiale in Italia. È stata presidentessa del circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli, promotrice del Roma World Pride del 2000 e del Gay Village nel 2009. Nel 2013 si candida alle elezioni regionali del Lazio a sostegno di Nicola Zingaretti e nello stesso anno viene eletta consigliere comunale a Roma Capitale nella consiliatura di Ignazio Marino.

Giovanni Caudo (57 anni)

È urbanista e professore universitario. Da giugno 2013 a ottobre 2015 è stato assessore alla Trasformazione Urbana di Roma Capitale, nominato come tecnico ed esperto, con delega all’urbanistica, all’edilizia privata e all’edilizia sociale, nella giunta di Ignazio Marino. Dopo la caduta della giunta Cinque Stelle, è, da giugno 2018, Presidente del III Municipio di Roma

Paolo Ciani (51 anni)

Laureato in Storia dell’Arte, è cresciuto nella comunità di Sant’Egidio. Ha lavorato come ricercatore e, tra il 2014 e il 2017, è stato consulente del Presidente della Commissione Sanità e Affari Sociali presso la Camera dei Deputati. Dal marzo 2018 è Consigliere della Regione Lazio eletto nella lista di “Democrazia Solidale – DEMOS“, ricoprendo il ruolo di Vice Presidente della Commissione Sanità e Affari Sociali e di membro nella Commissione Casa, Urbanistica e Rifiuti.

Stefano Fassina (55 anni)

È deputato di “Liberi e Uguali“. Laureato in Economia, ha militato nel Partito Comunista dal 1990 e nel PDS poi. Ha lavorato al Fondo Monetario Internazionale, è un deputato della Repubblica Italiana dal 2013 e nel 2016 è stato candidato a sindaco di Roma. È consigliere comunale di Roma, nonché ex viceministro dell’Economia sotto il ministro Fabrizio Saccomanni nel governo Letta.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Cristina Grancio (50 anni)

Candidata del Partito Socialista alle primarie del centrosinistra. È architetta e funzionaria dell’Ater. Eletta nel Movimento Cinque Stelle al Comune di Roma durante le ultime amministrative, è stata la prima ad abbandonare la maggioranza della sindaca Virginia Raggi sulla vicenda dello stadio della Roma. Dopo aver aderito per un periodo a DeMa, il movimento del sindaco di Napoli Luigi De Magistris, è poi approdata nelle file del Psi.

Roberto Gualtieri (54 anni):

È un politico, storico e accademico italiano. Dal 7 giugno 2009 al 5 settembre 2019 è stato deputato europeo del Partito Democratico, presiedendo la Commissione per i problemi economici e monetari dal 2014 sino alla sua nomina a ministro. È stato ministro dell’economia e delle finanze dal 5 settembre 2019 al 13 febbraio 2021 ed è stato eletto deputato il 1° marzo 2020 in occasione delle elezioni suppletive convocate al fine di colmare il seggio lasciato vacante da Paolo Gentiloni dopo la sua nomina a commissario europeo.

Tobia Zevi (38 anni)

Indipendente. Dal 2015 ha lavorato al Ministero degli Affari Esteri e collabora con l’Istituto di Studi di Politica Internazionale. Cresciuto nella comunità ebraica di Roma, ha un passato da militante nel Partito Democratico.

Come, dove e quando si vota

Militanti, iscritti e simpatizzanti potranno esprimere la propria preferenza recandosi ai gazebo disseminati sui territori municipali: a votare sarà l’elettorato con un’età superiore ai 16 anni, munito di carta di identità, tessera elettorale e un contributo di due euro. È poi necessario sottoscrivere le “Linee guida del centrosinistra per Roma” e rilasciare il consenso espresso al trattamento dei propri dati, alla luce dell’informativa rilasciata dal Comitato e ai sensi della normativa italiana ed europea in materia di protezione dei dati personali. Possono votare anche i cittadini stranieri residenti. I seggi saranno aperti dalle ore 8.00 fino alle ore 21:00.

Il voto online

Coloro che hanno effettuato la registrazione con lo SPID entro giovedì 17 potranno votare online. Durante il giorno previsto per la votazione online, chi si sarà pre-registrato riceverà una email con il link utilizzabile per esercitare il diritto di voto. Accedendo si visualizzerà la lista dei candidati. Per selezionare un candidato è sufficiente cliccare su uno dei nomi presenti nella lista e premere il tasto “vota candidato”. Se non si vuole esprimere nessuna preferenza, bisogna selezionare l’opzione “scheda bianca”.

Dopo aver espresso la propria scelta per uno dei candidati o per la scheda bianca, si potrà visionare una schermata che riepiloga la scelta effettuata. L’elettore può cliccare sul tasto “inserisci nell’urna” o, qualora non voglia confermare la propria scelta, selezionare “cancella scheda” e tornare così alla pagina con la lista dei candidati.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento