Vuoi la tua pubblicità qui?
23 Aprile 2021

Pubblicato il

Le indagini

Velletri, caccia al pirata della strada che ha investito e ucciso Roberto “Bocco”

di Redazione

Roberto era un clochard per scelta, lo si poteva incontrare al cimitero, e chiedeva denaro solo quando aveva finito i soldi per i fiori dedicati ai defunti

A Velletri è ancora caccia al pirata della strada che nella notte tra 23 e 24 febbraio ha investito e ucciso un uomo molto conosciuto nel comune della provincia di Roma. La vittima è Roberto Tesseri, conosciuto nella sua comunità con il soprannome di “Bocco”. Aveva 68 anni.

Vuoi la tua pubblicità qui?

“Bocco” è stato trovato in fin di vita da un vigilantes che ha chiamato i soccorsi e le forze dell’ordine. Sul posto è giunta una pattuglia dei Carabinieri e un’ambulanza del 118. L’ambulanza lo ha trasportato d’urgenza in ospedale ma purtroppo per lui non c’è stato nulla da fare.

Roberto “Bocco”, il clochard che si prendeva cura dei defunti

Roberto era un clochard per scelta, lo si poteva incontrare al cimitero, e chiedeva denaro solo quando aveva finito i soldi per i fiori dedicati ai defunti. Questo il compito che si era dato, onorare le anime dei morti prendendosi cura delle tombe e del verde del campo santo. Purtroppo ora è scomparso anche lui, in un modo così violento.

I suoi concittadini sono in lutto, per questa figura strampalata ma simpatica e dolce. Il sindaco di Velletri Orlando Pocci ha espresso cordoglio e dice di lui: “Era la mascotte delle feste, si esibiva con le sue canzoni, era buono, a volte strillava e diceva qualche parolaccia, ma in fondo tutti lo amavano”. Sono in corso le indagini dei Carabinieri per capire se vi sono testimonianze del fatto o altri elementi che possano chiarirne la vicenda e trovare il conducente che non si è fermato a soccorrerlo.

Immagine di Archivio non legata ai fatti descritti

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento